CHIUDI
CHIUDI
Iscriviti alla nostra newsletter

Accetto i termini e condizioni della Fondazione Ermanno Casoli

27 settembre 2017
Perino & Vele, THE BIG ARCHIVE, 2017

Titolo: THE BIG ARCHIVE
Edizione: E-STRAORDINARIO for Kids #5
Artista: Perino & Vele
Curatore: Marcello Smarrelli
Azienda: Elica
Numero partecipanti: 60 bambini, figli dei dipendenti di Elica; 20 alunni della scuola di infanzia bilingue Iris Garden di Fabriano
Età: 3-10 anni
Luogo: Fabriano – Headquarters Elica
Anno: 2017

The Big Archive è il titolo del workshop sviluppato dal duo di artisti Perino & Vele (Emiliano Perino e Luca Vele) per la quinta edizione di E-STRAORDINARIO for Kids, che ha visto la partecipazione di circa ottanta bambini tra figli dei dipendenti di Elica e gli alunni della scuola di infanzia bilingue Iris Garden di Fabriano, eccezionalmente invitati a partecipare.

Il  focus di questa giornata di formazione con l’arte contemporanea è stata la memoria, il suo funzionamento, il modo in cui viene immagazzinata e strutturata per andare a costituire la nostra identità.  Il progetto ha previsto una fase preliminare di cooperazione tra genitori e figli, invitati a raccogliere qualsiasi tipo di materiale cartaceo utile a comporre un archivio: dai quotidiani alle riviste, dalle ricette mediche alla carta del gelato, dai biglietti del treno agli scontrini della spesa fino ai fumetti o ai vecchi quaderni dei compiti. Con questa carta, sminuzzata e frammentata, i ragazzi hanno realizzato cartapesta di vari colori, utilizzata per decorare delle cassette di legno – del tipo usato per conservare frutta e ortaggi, ma anche reperti archeologici e materiali vari – che, una volta impilate, hanno rivelato un’immagine giocosa, una rappresentazione stilizzata di animali precedentemente realizzata dagli artisti, in perfetta sintonia con il mondo infantile.

L’idea è stata quella di fondere materiali diversi che raccontano sia la nostra vita quotidiana, fatta di consuetudini e gesti abituali, sia i fatti di cronaca o gli eventi di grande portata che spesso si intrecciano con le vicissitudini, nel grande racconto corale della storia. La giornata si è conclusa con l’istallazione e l’inaugurazione, alla presenza degli artisti, delle istituzioni, dei genitori dei ragazzi e di appassionati d’arte contemporanea della grande opera d’arte The Big Archive.

25 maggio 2017
Francesca Grilli, HAND #2, 2017

Titolo: Hand #2
Artista: Francesca Grilli
Curatore: Marcello Smarrelli
Formatore: Piero Tucci – M&D
Azienda: Business School del Sole 24 Ore
Numero partecipanti: 26
Luogo: Milano – Mudec Museo delle Culture
Anno: 2017

Hand #2 è il titolo del workshop ideato dall’artista Francesca Grilli con un gruppo di ventisei studenti della Business School del Sole 24 Ore, coadiuvati dal curatore e dal formatore aziendale, tenutosi presso il Mudec – Museo delle Culture di Milano. Per questa occasione, la Fondazione Ermanno Casoli – dal 2012 partner della Business School del Sole 24 Ore – ha riproposto Hand, realizzato nel 2015 con un gruppo di  imprenditori, allo scopo di far vivere agli studenti l’esperienza formativa già sperimentata in ambito aziendale, affrontandone e analizzandone contenuti e modalità.

Il workshop era strutturato come un laboratorio di lettura del corpo con un focus  particolare sull’interpretazione delle linee della mano, da cui il titolo Hand. Le mani parlano di noi: sono una delle parti del corpo più usate per comunicare, suggellano nuove conoscenze e patti, sono strumenti perfetti di lavoro. L’attività ha previsto una prima fase pittorica in cui i partecipanti, attraverso il colore, hanno imparato a prendere l’impronta della mano per avere una visione completa di tutte le sue linee. Nella seconda parte si è svolto uno studio sulla mano stessa: forma, colore, morbidezza, sensazione al tatto, elasticità. L’intento dell’artista, coadiuvata da un esperto di chiromanzia, è stato quello di far comprendere ai partecipanti come il carattere della persona possa essere rappresentato dal corpo, stimolandone una lettura più istintiva e libera. Nella fase finale del laboratorio, attraverso gli elementi di base della chiromanzia appresi durante la giornata di lavoro, i partecipanti si sono scambiati reciproche letture della mano: le diverse storie sono state raccolte in una traccia sonora che, accompagnate dall’impronta della mano, hanno composto l’esito finale del workshop, un’istallazione di suoni e immagini realizzata da artista e partecipanti.

L’esperienza è servita a lavorare sul valore del cambiamento e della rottura degli schemi e sull’importanza della comunicazione all’interno dell’azienda come strumento necessario per il lavoro di squadra.

Scarica il cs

14 marzo 2017
Ettore Favini, SILLAGE, 2015

Titolo: Sillage
Artista: Ettore Favini
Curatore: Marcello Smarrelli
Azienda: Elica
Evento: Expo 2015
Luogo: Milano
Anno: 2015

Sillage è il progetto dell’artista Ettore Favini ideato per Elica e FEC in occasione di EXPO Milano 2015 e presentato all’interno del padiglione di Save the Children, a sostegno delle iniziative da loro realizzate, sull’educazione e la sicurezza alimentare.

Il titolo del progetto Sillage è tratto dal vocabolario dei profumi: indica la scia che il profumo lascia intorno a noi, capace di superare le barriere e di propagarsi nell’ambiente circostante. In linea con questa definizione, Sillage è stato sviluppato in diverse fasi, la prima delle quali realizzata all’interno dell’orto comunitario del Villaggio Save the Children in EXPO dove tre celebri modelli di cappe Elica (Audrey, Edith, Seashell) sono stati trasformati in vasi per piantare orzo, avena, mandorla, finocchio, anice: piante facilmente coltivabili, capaci di legarsi ai temi da sempre vicini a Save the Children e, più in generale, ai temi dell’EXPO 2015 – Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita. Una volta cresciute, le piante sono state trasformate in essenze per creato una profumazione studiata appositamente per Marie, il diffusore di fragranze di Elica, per il quale Ettore Favini ha realizzato una cover speciale ottenuta dall’elaborazione di un’immagine di natura morta formata dagli ortaggi che compongono la fragranza.

Sillage, l’edizione limitata di Marie per Save the Children con la sua originale fragranza, è stato presentato nell’ambito di una performance a Palazzo Visconti a Milano. Parte del ricavato delle vendite è andata a sostegno della campagna Every One di Save the Children, finalizzata a combattere la mortalità infantile nelle aree più disagiate del mondo.

Guarda il video

8 febbraio 2017
Diego Marcon, ESERCIZI DI STILE #2 , 2016

Titolo: Esercizi di Stile #2
Artista: Diego Marcon
Curatore: Marcello Smarrelli
Formatore: Luca Varvelli – Presidente Gram
Azienda: Business School del Sole 24 Ore
Numero partecipanti: 36
Luogo: Milano – Hangar Bicocca
Anno: 2016

Esercizi di stile#2 è il titolo del workshop ideato dall’artista Diego Marcon con un gruppo di trentasei studenti della Business School del Sole 24 Ore, coadiuvati dal curatore e dal formatore aziendale, tenutosi presso l’Hangar Bicocca di Milano. Per questa occasione, la Fondazione Ermanno Casoli – dal 2012 partner della Business School del Sole 24 Ore – ha riproposto Esercizi di stile#1, realizzato nel 2015 con venti imprenditori marchigiani, allo scopo di far vivere agli studenti l’esperienza formativa già sperimentata in un’azienda, affrontando e analizzando contenuti e metodologie affini.

Come suggerito dal titolo, Esercizi di Stile #2  si è presentato come un esperimento di scrittura: prendendo spunto dal libro omonimo di Raymond Queneau, ai partecipanti è stato fornito un breve “aneddoto di base” dal quale sviluppare tre variazioni relative al registro linguistico, al genere letterario e al supporto fisico sul quale riscrivere il testo. Gli studenti hanno lavorato in gruppi e al termine del workshop tutti i loro contributi, rielaborati dall’artista, sono andati a formare una fanzine in formato eBook. La serie di variazioni realizzate dai partecipanti è stata letta e discussa insieme a Timothy Small, esperto di cultura pop, letteratura contemporanea e social communication, il cui intervento si è concentrato sull’analisi della forma come elemento centrale nella veicolazione del contenuto, analizzando come i differenti linguaggi e generi utilizzati per le variazioni influenzino la trasmissione dell’aneddoto e il suo stesso senso.

Il file eBook, un libro d’artista a tutti gli effetti numerato e firmato, è stato consegnato a ciascun partecipante. Infine, il trainer in formazione aziendale, ha concluso la giornata  di lavoro traducendo la metafora dell’arte in comportamenti organizzativi concreti, sottolineando il valore di questo tipo di esperienza tesa a rafforzare il pensiero innovativo.

 

16 settembre 2016
Andrea Mastrovito, VITRIOL, 2016

Artista: Andrea Mastrovito
Curatore: Marcello Smarrelli
Formatore: Piero Tucci – M&D
Azienda: Angelini – Acraf spa
Numero partecipanti:100
Luogo: Ancona
XVI Edizione

Vitriol è il titolo del progetto che l’artista Andrea Mastrovito ha ideato per la XVI edizione del Premio Ermanno Casoli con la partecipazione di cento dipendenti dell’azienda farmaceutica Angelini Acraf spa sede di Ancona.

L’acronimo Vitriol, dietro al quale si cela una frase latina celebre tra gli alchimisti: Visita Interiora Terrae Rectificando Invenies Occultum Lapidem, che tradotto in italiano significa “Visita l’interno della terra e rettificando troverai la pietra nascosta”, ha ispirato l’artista nella realizzazione di un ciclo di sette interventi murali disseminati negli spazi della sede anconetana dell’azienda, dove si sono svolte tutte le attività legate al premio.

Per una settimana l’artista, insieme al corposo gruppo di lavoro suddiviso in squadre, ha realizzato il ciclo Vitriol incidendo i muri di sette luoghi prescelti nello stabilimento Angelini, estrapolandone una serie di figure emblematiche che hanno preso vita attraverso i colori preesistenti nei vari strati del muro, svelando nella stratificazione e nel passaggio del tempo, una vera e propria archeologia dello spazio. Le polveri ricavate scavando le pareti sono state raccolte ed esposte come parte costitutiva dell’opera finale, come fossero “l’anima” delle figure incise sui muri, il loro “principio attivo” – con un forte legame all’attività produttiva di Angelini.

I cento dipendenti coinvolti in questo percorso formativo di team building  guidato dal trainer aziendale Piero Tucci, hanno contribuito attivamente, insieme all’artista e al curatore, alla realizzazione di Vitriol, che sarà visibile permanentemente negli spazi dell’azienda.
L’iniziativa fa parte delle attività del progetto DCE – Distretto Culturale Evoluto della Regione Marche “La Valle della creatività”.

Guarda il video
Scarica il catalogo

10 settembre 2016
Vedovamazzei, SHAPING THE WORLD-Plasmare il mondo, 2016

Titolo: SHAPING THE WORLD – Plasmare il mondo
Edizione: E-STRAORDINARIO for Kids #4
Artista: Vedovamazzei
Curatore: Marcello Smarrelli
Azienda: Elica
Numero partecipanti: 76 bambini, figli dei dipendenti di Elica.
Età: 6-10 anni
Luogo: Fabriano – Headquarters Elica
Anno: 2016

SHAPING THE WORLD – Plasmare il mondo è il titolo del workshop ideato dal duo Vedovamazzei (Stella Scala e Simeone Crispino), in cui settantasei ragazzi tra i sei e i dieci anni, figli di dipendenti di Elica, sono stati chiamati a ripensare la fabbrica, luogo di lavoro dei loro genitori, quale spazio ideale per la creazione.

Il workshop, svoltosi presso gli spazi dell’Headquarters Elica Fabriano, è stato suddiviso in tre momenti: una fase preparatoria durante la quale i piccoli partecipanti sono stati introdotti ai temi della giornata di lavoro e all’uso del materiale al centro dell’esercitazione: l’argilla. Nella seconda fase, i bambini sono stati impegnati nella progettazione e nella creazione della loro fabbrica ideale e della divisa più adatta per accedervi. Il gruppo di lavoro è stato diviso in coppie a ciascuna della quali è stato dato un camice bianco sul quale riprodurre le decorazioni precedentemente disegnate sotto la guida degli artisti.

Successivamente, a tutti i ragazzi è stato fornito un blocco d’argilla da manipolare, dando libero sfogo alla fantasia. Le opere così ottenute sono state allestite su un unico grande basamento a formare una grande scultura capace di rappresentare il luogo ideale dell’azione collettiva, lo spazio della vita e del lavoro che ognuno di noi può contribuire a plasmare con le proprie mani, seguendo le proprie inclinazioni. Una grande metafora di come il contributo di ognuno, quando indirizzato al bene comune, contribuisca a “plasmare il mondo”.

Durante l’inaugurazione della mostra, alla fine della giornata di lavoro, gli adulti hanno indossato i camici realizzati dai ragazzi, condizione necessaria per entrare nello spazio ideale rappresentato dalla grande scultura di argilla.

Guarda il video

 

15 giugno 2016
E-Straordinario

E’il progetto che dal 2008 porta l’arte contemporanea nel mondo dell’impresa quale strumento didattico e metodologico rivolto alla formazione aziendale. Attraverso un ciclo di workshop artisti di fama internazionale lavorano alla realizzazione di un’opera d’arte con i dipendenti di un’azienda, coadiuvati da un formatore manageriale e da un curatore d’arte contemporanea.
Le opere prodotte nel corso di queste attività di formazione vanno a costituire un “museo diffuso” che coinvolge tutte le imprese che negli anni hanno collaborato con la FEC.
E-STRAORDINARIO ha ottenuto il patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il Premio Cultura + Impresa 2014.

14 marzo 2017
Michelangelo Pistoletto, BREATHE DIFFERENCE – Aria Nuova dal Terzo Paradiso, 2015

Titolo: Breathe Difference – Aria Nuova dal Terzo Paradiso
Artista: Michelangelo Pistoletto e Love Difference
Curatore: Marcello Smarrelli
Evento: EXPO 2015
Luogo: Milano
Anno: 2015
Esposizioni: Milano – Showroom Elica dal 19 al 27 giugno

Breathe Difference – Aria Nuova dal Terzo Paradiso è il progetto dell’artista Michelangelo Pistoletto e dell’associazione culturale da lui fondata, Love Difference, che in occasione di EXPO Milano 2015, Elica e FEC hanno presentato presso lo showroom Elica di Milano.

Nel 2003 Pistoletto, protagonista dell’Arte Povera, ha scritto il manifesto del Terzo Paradiso disegnandone il simbolo: il Nuovo Segno di Infinito, una riconfigurazione del segno matematico d’infinito, ideale superamento del conflitto in cui natura e artificio si trovano nell’attuale società. Per questa occasione, Pistoletto ha creato un’inedita versione del Nuovo Segno di Infinito realizzata in acciaio specchiante, che è stata sospesa all’interno dello showroom di Elica creando un suggestivo gioco di rimandi e di riflessi.

L’opera di Pistoletto ha introdotto idealmente i temi trattati nel programma di workshops e incontri dal titolo Breathe Difference diverse forme di nutrimento che, dal 19 al 27 giugno, si sono susseguiti nello showroom trasformato in un vero laboratorio di idee, con l’obiettivo di indagare il rapporto uomo, ambiente e sfruttamento delle risorse del pianeta, argomenti al centro di EXPO 2015. Le attività dei vari laboratori si sono conclusi con un’opera collettiva frutto delle giornate di lavoro a cui hanno partecipato decine di giovani intervenuti da tutte le parti del mondo grazie ad una call lanciata da Love Difference che ha coordinato tutte le attività.

 

8 febbraio 2017
Pietro Ruffo, THE WISHFUL MAP #4, 2016

Titolo: The Wishful Map #4
Artista: Pietro Ruffo
Curatore: Marcello Smarrelli
Formatore: Piero Tucci – M&D
Azienda: Euler Hermes – Italia
Numero partecipanti: 40
Luogo: Roma – Centro Sportivo La Borghesiana
Anno: 2016

The Wishful Map #4 è il titolo del workshop che l’artista Pietro Ruffo ha ideato per quaranta dipendenti, tra funzionari e dirigenti, del reparto Distribution di Euler Hermes Italia, società di assicurazione crediti commerciali del gruppo Allianz, con sede a Roma.

L’artista è partito da una particolarissima proiezione del mondo (ispirata a quella che fu De L’Isle Equidistant Conic, 1745) divisa in ventiquattro spicchi. Ogni partecipante è stato chiamato a lavorare su una porzione di mondo e a scegliere un paese da analizzare secondo i cinque fattori principali di studio della valutazione del rischio: economic risk, financial risk, commercial risk, political risk e business environment risk. L’analisi effettuata tradotta in colori, è stata riportata sulla porzione del mondo presa in esame mentre alla base di ogni spicchio sono stati disegnati i caratteri simbolici fondanti della moneta in uso nel paese analizzato.

La mappa che Pietro Ruffo ha realizzato insieme ai dipendenti di Euler Hermes Italia durante i due giorni di workshop, rivisitazione artistica nella forma e negli elementi cromatici delle più comuni mappe di rischio in cui ad ogni colore corrisponde il livello di stabilità di ogni paese, rappresenta la sintesi artistica dell’universo dell’azienda.

L’opera d’arte relazionale, intitolata The Wishful Map #4,  fa parte della serie di mappe concettuali del progetto The Wishful Map – nato dalla collaborazione tra l’artista Pietro Ruffo, il trainer specializzato in formazione e sviluppo delle risorse umane Piero Tucci e la Fondazione Ermanno Casoli – che ha visto coinvolti anche gli studenti  del Master in Economia e Management dei Beni Culturali, Business School del Sole 24 Ore (2015), i dipendenti i dipendenti di ACRAF, polo farmaceutico del gruppo Angelini (2015) e della Banca di Credito Cooperativo di Bellegra (2016).

Guarda il video

 

 

15 giugno 2016
Premio Ermanno Casoli

Il Premio Ermanno Casoli è concepito come una commissione affidata dalla FEC ad un artista, invitato a progettare e realizzare un’opera d’arte permanente per un’azienda, con la partecipazione attiva delle persone che vi lavorano.
Il Premio segue la metodologia sperimentata dalla FEC in  E-STRAORDINARIO, un progetto di formazione che mette l’artista al centro del processo formativo e considera  l’arte contemporanea come uno strumento di conoscenza della realtà e una potente metafora per lo sviluppo del pensiero innovativo.
Il Premio viene attribuito a quegli artisti che nella loro ricerca mostrano una particolare sensibilità ai temi sociali e alla condivisione del lavoro e può prevedere un periodo più o meno lungo di residenza nelle aziende coinvolte.
Per il Premio Ermanno Casoli la FEC ha ottenuto il patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

27 aprile 2016
Chiara Camoni, IL GRANDE BACCANO (BIG BANG). OVVERO 763 STRUMENTI PER 763 BAMBINI, 2016

Artista: Chiara Camoni
Edizione: E-STRAORDINARIO for Kids – Edizione Speciale
Curatore: Marcello Smarrelli
Committente: Confindustria Ancona, Comune di Fabriano
Numero partecipanti: 763 alunni della scuola di infanzia e delle prime e seconde classi della scuola primaria dei tre istituti comprensivi di Fabriano
Età: 3 – 7 anni
Luogo: Fabriano
Anno: 2016 Special Edition
Luogo: Fabriano – Piazza del Comune e Pinacoteca Civica Bruno Molajoli
Esposizioni: Fabriano – Pinacoteca Civica Bruno Molajoli, dal 7 al 26 maggio; Forlì – Festival Ipercorpo 2016 dal 26 al 29 maggio

Il Grande Baccano (Big Bang). Ovvero 763 strumenti per 763 bambini è il titolo del progetto che l’artista Chiara Camoni ha pensato per gli alunni della scuola d’ infanzia e delle prime e seconde classi della scuola primaria dei tre istituti comprensivi di Fabriano I.C. zona est Aldo Moro, I.C. Fernanda Imondi Romagnoli, I.C. Marco Polo, per un totale di 763 bambini.

Il progetto è nato nell’ambito di Eco Fantasy – I bambini e l’utilità del riciclo con lo scopo di valorizzare il riutilizzo degli scarti industriali prodotti dalle aziende del fabrianese. Chiara Camoni, con la collaborazione delle maestre, ha guidato i bambini per tutto l’anno scolastico nella realizzazione di una serie di strumenti a percussione, utilizzando i materiali di scarto forniti dalle aziende che hanno aderito all’iniziativa. Gli strumenti prodotti stimolando la creatività e la fantasia dei più piccoli, diversi tra loro per forma e dimensioni, colorati e rivestiti in modo originale, sono stati suonati durante una performance tenutasi il 27 aprile 2016, quando i piccoli musicisti si sono ritrovati nella Piazza del Comune di Fabriano, dando vita al Grande Baccano, un singolare e prorompente concerto diretto dall’artista. Una metafora della possibilità e della speranza di rinascita di un territorio fortemente in crisi, come quello fabrianese, attraverso l’investimento culturale sulle giovani generazioni.

La documentazione audiovisiva della performance, insieme agli strumenti creati dai bambini, hanno dato vita ad un’installazione presentata presso la Pinacoteca Civica Bruno Molajoli di Fabriano.

Guarda il video

20 maggio 2015
Yang Zhenzhong, DISGUISE, 2015

Artista: Yang Zhenzhong
Curatore: Marcello Smarrelli
Azienda: Elica Cina
Numero partecipanti: 57
Luogo: Shengzhou
XV Edizione
Selezionato per la XI Biennale di Shangai 2016

Disguise è il titolo del progetto ideato dall’artista cinese Yan Zhenzhong per la XV edizione del Premio Ermanno Casoli realizzato nell’ambito di una residenza di due mesi nel plant dell’azienda Elica di Shengzhou in Cina, dove ha lavorato a stretto contatto con più di cinquanta dipendenti realizzando con loro una serie di workshop.

Disguise, che tradotto in italiano significa ‘travestimento’, rimanda ad un’atmosfera teatrale sottolineata dalla presenza di una serie di maschere che riproducono le sembianze dei dipendenti coinvolti, realizzate attraverso l’uso della tecnica di scansione in 3D. Le maschere – esatto duplicato del volto dei dipendenti – sono state usate per una performance tenutasi all’interno dell’azienda, in cui i dipendenti le indossavano  durante lo svolgimento delle quotidiane mansioni lavorative. Le riprese video sono state utilizzate per creare una videoinstallazione su più canali che, insieme alle maschere, sono state presentate in una mostra presso lo Showroom Elica di Shangai.

“Durante il consueto turno lavorativo – racconta Yang Zhenzhong – ho fatto indossare ai dipendenti la maschera realizzata in una prima fase del workshop tramite la scansione dei loro volti. Nel video si vedono i dipendenti mentre lavorano e, allo stesso tempo, mettono in scena il processo produttivo, esprimendo una sorta di azione performativa e dinamica, nonostante siano sottoposti alle regole dei rispettivi ruoli all’interno dell’azienda. Con i volti coperti dalle maschere, i loro movimenti sono sempre legati alla catena di montaggio ma, grazie a questa metamorfosi, acquisiscono la grazia di una danza liberatoria. L’atmosfera creatasi durante i workshop non ha variato le potenzialità della produzione quotidiana, come si poteva immaginare, ma l’ha trasformata in una sorta di teatro o in qualcosa di più spirituale. Personalmente, questa intera pratica e procedura creativa è stata una nuova straordinaria esperienza”.

Guarda il video

 

 

 

 

15 marzo 2017
Fabio Bonelli, MUSICA DA CUCINA, 2014

Titolo: Musica da cucina
Artista: Fabio Bonelli
Azienda: Elica
Evento: Concerto – performance di Natale
Luogo: Fabriano – Headquarters Elica
Anno: 2014

Musica da cucina è il titolo del concerto-performance ideato dal musicista Fabio Bonelli e tenutosi il 18 dicembre 2014 presso la sede di Elica a Fabriano.

Il progetto, nato da un’idea di Fabio Bonelli, fondatore del laboratorio creativo People from the Mountains, a Morbegno in provincia di Sondrio,  ha preso vita dall’idea di catturare i suoni della cucina, creando un tappeto sonoro su cui chitarra, clarinetto, fisarmonica e voce hanno intessuto intime melodie. Il risultato è stato una musica suggestiva e insolita, un corpo sonoro etereo e ipnotico in cui si innestano suoni familiari ed evocativi come l’acqua che scorre, il fischio del bollitore, il rumore delle posate sui piatti, il tintinnio dei bicchieri.

Il concerto-performance si è trasformato quindi in un dialogo intimo e diretto con il pubblico, che ha partecipato attivamente, trovandosi a suonare pentole e oggetti della cucina e vivendo così un’esperienza unica nel suo genere.

Guarda il video

 

 

8 febbraio 2017
Pietro Ruffo, THE WISHFUL MAP #3, 2016

Titolo: The Wishful Map #3
Artista: Pietro Ruffo
Curatore: Marcello Smarrelli
Formatore: Piero Tucci – M&D
Azienda: BCC Bellegra
Numero partecipanti: 35
Luogo: Bellegra – Convento di San Francesco
Anno: 2016

The Wishful Map #3 è il titolo del progetto ideato dall’artista Pietro Ruffo e realizzato con trentacinque dipendenti, tra impiegati e funzionari, della Banca di Credito Cooperativo di Bellegra, coadiuvati dal curatore e dal formatore aziendale nelle due giornate di lavoro presso il Convento di San Francesco a Bellegra (Roma).

Per la realizzazione del  workshop, l’artista è partito da una banconota degli anni cinquanta del valore di 10.000 mila lire, conservata negli uffici della banca, ridisegnata e ingrandita dai partecipanti. Sulla banconota, trasformata in una mappa, sono stati disposti diversi elementi cromatici corrispondenti a proiezioni, studi, previsioni e calcoli scaturiti dalla progettazione di un ipotetico piano di finanziamento pensato dai partecipanti per lo sviluppo e la crescita di un’azienda agricola della zona. La banconota è stata scelta da Ruffo in quanto riveste un particolare valore simbolico per la BCC di Bellegra: i trentadue soci fondatori, che diedero vita nel 1959 alla allora Cassa Rurale di Bellegra, lo fecero versando 10.000 lire ciascuno ponendo le basi per la creazione di una banca moderna, che ha saputo fare da volano alle economie dei paesi dell’alta Valle del Sacco.

L’opera realizzata è stata installata nella filiale di San Vito Romano come espressione dei valori di tutti i dipendenti della BCC di Bellegra.

The Wishful Map, è un progetto nato dalla collaborazione tra l’artista Pietro Ruffo, il trainer specializzato in formazione e sviluppo delle risorse umane Piero Tucci e la Fondazione Ermanno Casoli,  con l’obiettivo di realizzare una serie di mappe concettuali capaci di rappresentare l’identità e i valori delle aziende, attraverso un’opera d’arte condivisa. Tra le aziende che hanno partecipato al progetto: Angelini Acraf spa (2015), Business School del Sole24Ore (2015), Euler Hermes Italia del gruppo assicurativo Allianz (2016).

11 settembre 2016
Elisabetta Benassi, PROTOTIPI, 2015

Titolo: Prototipi
Edizione: E-STRAORDINARIO for Kids #3
Artista: Elisabetta Benassi
Curatore: Marcello Smarrelli
Azienda: Elica e Fileni
Partecipanti: 90 bambini, figli dei dipendenti delle aziende Elica e Fileni
Età: 6 -10 anni
Luogo: Fabriano – Headquarters Elica
Anno: 2015

Prototipi è il titolo del workshop ideato da Elisabetta Benassi per la terza edizione di E-STRAORDINARIO for Kids che ha coinvolto un gruppo di novanta ragazzi composto dai figli dei dipendenti di Elica e dai figli dei dipendenti di Fileni – altra importante azienda del territorio.

La giornata di formazione ha visto l’artista e i partecipanti impegnati a reimpiegare e “customizzare” in maniera immaginifica i prodotti realizzati da Elica. Con l’aiuto costante della “consulenza tecnica” dei prototipisti e dei progettisti dell’azienda, Elisabetta Benassi e i ragazzi si sono trasformati in “prototipisti” per un giorno, fornendo così un nuovo punto di vista sui modelli, le funzioni e i possibili impieghi delle cappe prodotte. Durante il workshop, infatti, i ragazzi hanno appreso il funzionamento della cappa aspirante, hanno ricreato un loro ideale libretto di istruzioni e infine hanno lavorato con l’artista alla realizzazione di una scultura collettiva.

Risultato finale: un’installazione di grandi dimensioni ottenuta tramite l’assemblaggio di diversi modelli e parti di cappe ad uso domestico che è stata completata con un atto artistico liberatorio e spettacolare, ispirato alla famosa tecnica del dripping, resa celebre dall’artista Jackson Pollok, in cui i ragazzi hanno espresso pienamente la loro energia creativa.

L’iniziativa è stata inserita tra le attività del progetto DCE – Distretto Culturale Evoluto della Regione Marche “La Valle della creatività”.

Guarda il video 

 

4 marzo 2014
Danilo Correale, THE GAME – UNA PARTITA DI CALCIO A TRE PORTE, 2013-2014

Artista: Danilo Correale
Curatore: Marcello Smarrelli
Azienda: ColleVilca – Colle Val d’Elsa; PR Industrial / Pramac – Casole
d’Elsa; Trigano – Poggibonsi
Numero partecipanti: 80
Luogo della performace: Stadio Gino Manni – Colle Val d’Elsa
XIV Edizione
Acquisizione opera: Museo MADRE di Napoli, collezione permanente
Esposizioni: Ancona – Festival Art più business uguale love?, dal 3 al 7 maggio 2017

The Game – una partita di calcio a tre porte è il titolo del progetto ideato dall’artista Danilo Correale, vincitore della XIV edizione del Premio Ermanno Casoli, che ha visto protagonisti oltre ottanta dipendenti di tre importanti aziende del territorio senese –  ColleVilca srl, PR Industrial Srl e Trigano Spa – impegnati nella realizzazione di una partita di calcio a metà tra evento sportivo e performance. L’artista si è basato sulle teorie del pittore situazionista danese Asger Jorn (1914-1973), che aveva usato il modello della partita di calcio a tre porte per teorizzare cosa accade quando si passa da un sistema dialettico a uno trialettico, come strumento per superare lo spirito di competizione e favorire la formazione di alleanze strategiche elastiche. In quest’ottica, The Game diventa una metafora per leggere e interpretare le relazioni umane.

In collaborazione con i dipendenti delle tre aziende, Correale ha dato forma all’identità delle tre squadre:REAL CRISTAL  (squadra di ColleVilca srl), i GLADIATORI (squadra di PR Industrial Srl), ESUBERANTI 301 (squadra di Trigano Spa) che, dopo un periodo di preparazione durato oltre sei mesi, l’8 dicembre 2013 presso lo stadio “Gino Manni” di Colle Val d’Elsa, hanno giocato la partita, arbitrata dall’artista Cristian Chironi, alla presenza delle tifoserie.

Esito finale del progetto è il film che documenta, in 70 minuti, l’intero processo creativo di The Game – una partita di calcio a tre porte, dagli incontri dell’artista con i dipendenti agli allenamenti, all’organizzazione delle tifoserie fino alla partita. Il film, oltre ad essere stato installato nelle sedi delle tre aziende coinvolte, è stato presentato al pubblico il 13 giugno 2014 a Siena, presso la sala cinematografica Nuovo Pendola e acquisito dal Museo MADRE di Napoli che lo ha inserito nella collezione permanente.

Le attività della XIV edizione del Premio Ermanno Casoli erano parte del progetto di Pier Luigi Sacco per la candidatura di Siena a Capitale Europea per la Cultura 2019.

Guarda il video
Scarica il catalogo

 

 

15 marzo 2017
Fabio Barile e Francesco Neri, MIDDLE EARTH. A JOURNEY INSIDE ELICA, 2014

Titolo: Middle-Earth. A journey inside Elica
Artista: Fabio Barile e  Francesco Neri
Curatore: Marcello Smarrelli e Alessandro Dandini de Sylva
Evento: Fuorisalone 2014
Luogo: Milano
Anno: 2014
Esposizioni: Showroom Elica – Milano

Middle-Earth. A journey inside Elica è il titolo del progetto realizzato dai fotografi Fabio Barile e Francesco Neri per Elica, curato da Marcello Smarrelli e Alessandro Dandini de Sylva. Si tratta di una commissione rivolta ai due fotografi per realizzare un reportage in tre sedi del Gruppo Elica nel mondo: Querétaro (Messico), Shengzhou (Cina) e Fabriano (Italia), con l’obiettivo di restituire la complessità di una multinazionale che va oltre la semplice definizione di “azienda”. Una realtà formata dalle persone che ci lavorano, ognuna con una propria preziosa identità, indagata senza alcuna retorica dall’obiettivo dei fotografi. Trenta scatti che mostrano i volti, gli spazi di lavoro e i paesaggi che caratterizzano i luoghi dove si trovano gli stabilimenti, documentando la continua interazione e il serrato dialogo tra i fotografi, i personaggi e l’ambiente.

Gli scatti sono stati oggetto di una mostra realizzata presso lo Showroom Elica in occasione del Fuorsisalonesalone 2014, evento collaterale del Salone del Mobile di Milano, con un allestimento dello studio di architettura e trasformazioni territoriali stARTT.

Scarica il catalogo

12 gennaio 2017
Francesco Arena, DA BAMBINO CAMMINAVO METTENDO I PIEDI SOLO SULLE MATTONELLE NERE, 2015

Titolo: Da bambino camminavo mettendo i piedi solo sulle mattonelle nere, ora che sono grande quando cammino non so più su quale colore di mattonella mettere i piedi
Artista: Francesco Arena
Curatore: Marcello Smarrelli
Formatore: Piero Tucci – M&D
Evento: Business Meets Art
Numero partecipanti: 20
Luogo: Museo del Castello – Udine
Anno: 2015

Da bambino camminavo mettendo i piedi solo sulle mattonelle nere, ora che sono
grande quando cammino non so più su quale colore di mattonelle mettere i piedi è il titolo del workshop ideato e condotto dall’artista Francesco Arena per un’aula molto eterogenea formata da venti persone tra imprenditori, rappresentanti di istituzioni locali, giovani artisti del territorio, nell’ambito della terza edizione di Business Meets Art – manifestazione internazionale dedicata all’arte e impresa ideata dell’associazione ETRARTE.

Il workshop, che indagava il rapporto tra individuo e memoria indagando come vissuto e ricordi personali si perdano nel flusso della memoria collettiva, si è svolto attraverso tre “esercizi”. Il primo era incentrato sul il rapporto personale che ognuno instaura con la storia e con il mito, il secondo sulla relazione che si crea tra un fatto storico e lo spazio in cui questo avviene l’ultimo sul confronto tra il tempo della storia con quello personale e collettivo.

L’artista, affiancato dal curatore e dal formatore aziendale, ha interagito con l’eterogeneo gruppo stimolando la riflessione sulla collaborazione, sulla diversità di stili e di metodi di lavoro attraverso l’esperienza concreta dei partecipanti alla realizzazione di un’opera d’arte partecipata realizzata con i materiali prodotti nel corso della giornata di lavoro.

12 settembre 2014
Marcello Maloberti, MINI ITALIA, 2014

Titolo: Mini Italia
Edizione: E-STRAORDINARIO for Kids #2
Artista: Marcello Maloberti
Curatore: Marcello Smarrelli
Azienda: Elica
Numero partecipanti: 50 bambini, figli dei dipendenti di Elica
Età: 6 -10 anni
Luogo: Fabriano – Pinacoteca Bruno Molajoli, Centro Storico della Città
Anno: 2014

Mini Italia è il titolo della performance ideata da Marcello Maloberti per E-STRAORDINARIO for Kids #2 e realizzata dall’artista insieme a cinquanta bambini, figli dei dipendenti di Elica, per le vie del centro storico della città di Fabriano.

La fase propedeutica al workshop ha previsto una visita alla mostra “Da Giotto a Gentile” presso la Pinacoteca Civica Bruno Molajoli di Fabriano, seguita da un laboratorio pratico in cui i piccoli partecipanti hanno realizzato  degli speciali “zainetti”, ricavati da scatole di cartone decorate con collage di immagini raccolte da riviste e giornali, ritratti di personalità, disegni di oggetti, opere d’arte, monumenti e paesaggi tipici dell’immaginario collettivo italiano, tratti da un archivio preparato dai ragazzi insieme alle famiglie nei mesi precedenti al workshop.

Al termine del laboratorio si è svolta la performance collettiva nel centro storico della città: un colorato e allegro corteo che ha animato le vie e le piazze in cui i bambini, accompagnati dalla banda musicale di Fabriano, hanno sfilato con gli zainetti/archivio da loro creati portando una bandiera lunga più di 20 metri, decorata con il tricolore nazionale e la texture a scacchi bianco rossa, tipica delle tovaglie che vediamo sulle tavole italiane. L’attività ha rappresentato un momento di riflessione sul patrimonio culturale italiano, sia nella sua storia “alta” che nelle sue tradizioni popolari, potente collante ed elemento identitario trasversale a tutte le generazioni.

Attraversate le vie del centro storico, il festoso corteo ha percorso una parte di via Dante fino allo stabilimento di Elica, momento che ha sancito l’inaugurazione del tratto di strada intitolato a Ermanno Casoli, fondatore di Elica.

L’iniziativa è stata inserita tra le attività del progetto DCE – Distretto Culturale Evoluto della Regione Marche “La Valle della creatività”.

Guarda il video

 

18 ottobre 2012
Anna Franceschini, ROCK-PAPER-SCISSORS, 2012

Artista: Anna Franceschini
Curatore: Marcello Smarrelli
Azienda: Headquarters Elica
Luogo: Fabriano
XIII Edizione

Rock-Paper-Scissors è il titolo della videoinstallazione realizzata da Anna Franceschini per la XIII edizione del Premio Ermanno Casoli.

Affascinata dalla qualità del paesaggio naturale che contraddistingue il territorio fabrianese e dalle sue implicazioni sociali ed economiche, l’artista ha scelto di trascorrervi un lungo periodo, durante il quale ha raccolto immagini e suggestioni che sono andate a comporre l’opera dal titolo Rock-Paper-Scissors, concepita secondo le regole combinatorie del gioco della Morra Cinese (conosciuto anche come Sasso – Forbici – Carta) e in cui le immagini relative ai diversi aspetti che caratterizzano l’identità del territorio si sovrappongono e si mescolano a ritmo incessante.

Per installare in modo permanete il lavoro all’interno del Centro Logistico dell’Headquarters Elica Fabriano è stato costruito un padiglione video progettato dallo studio di architettura Salottobuono, rivestito esternamente di lastre d’acciaio che rispecchiavano l’ambiente di lavoro circostante mimetizzando perfettamente la struttura.

Per i dipendenti di Elica e per tutti coloro che vivono e abitano il territorio l’artista ha creato, come parte integrante del progetto, un intervento di natura formativa incentrato sulla video arte, curando una rassegna intitolata Images Moving Images, coinvolgendo gli artisti Dina Danish, Rebecca Digne, Diego Marcon e Jean Baptiste Maitre in un ciclo di proiezioni e talk svoltosi in Ancona dal 16 al 18 novembre 2012, in collaborazione con l’associazione white.fish.tank. Questo progetto ha permesso ai partecipanti di approfondire la conoscenza del lavoro della Franceschini e degli autori presentati che, come lei, sono legati al cinema sperimentale, sollecitando un dialogo intimo permeato sugli interessi che sono oggi al centro della produzione artistica contemporanea, del suo linguaggio e del suo pensiero,  grazie al quale artisti e spettatori hanno avuto l’opportunità di confrontarsi in un dialogo aperto.

Guarda il video
Scarica il catalogo

20 marzo 2017
Marco Mencoboni, MANO D’OPERA, 2013

Titolo: Mano d’Opera
Artista: Marco Mencoboni
Curatore: Marcello Smarrelli
Azienda: Elica
Evento: Concerto – performance
Luogo: Fabriano – Headquarters Elica
Anno: 2013

Mano d’Opera è il titolo del concerto-performance, ideato e curato da Marco Mencoboni – musicista e direttore artistico del Cantar Lontano Festival – per il Consorzio Marche Spettacolo (CMS), con la FEC, tenutosi il 19 dicembre 2013 presso l’Headquartes Elica di Fabriano.

Al centro di questo progetto l’interazione tra musicisti e operai: una sfida inedita e visionaria, che ha visto protagonista il quartetto d’archi della Canalgrande Adriatic Baroque Orchestra e ha coinvolto, al pari dei musicisti, alcuni dipendenti di Elica. Il palco, allestito presso il centro logistico di Elica, all’interno di una linea produttiva ormai in disuso, ha trasfigurato l’ambiente portando gli ascoltatori in una dimensione teatrale e proiettata all’ascolto.

Mano d’Opera è stato realizzato con la partecipazione dell’Associazione Nuova Musica di Macerata, del Festival AdriaticoMediterraneo di Ancona, del Rossini Opera Festival e della Fondazione Symbola.

Guarda il video

12 gennaio 2017
Diego Marcon, ESERCIZI DI STILE #1, 2015

Titolo: Esercizi di stile #1
Artista: Diego Marcon
Curatore: Marcello Smarrelli
Formatore: Diego Varvelli
Evento: Cult Lab – Spin off di Impresa Culturale
Numero partecipanti: 20
Luogo: Museo della Carta e della Filigrana – Fabriano
Anno: 2015

Esercizi di stile#1 è il titolo del progetto ideato dall’artista Diego Marcon con un gruppo di venti imprenditori marchigiani, coadiuvati dal curatore e dal formatore aziendale, tenutosi presso il Museo della Carta e della Filigrana di Fabriano.

Come suggerito dal titolo, Esercizi di stile#1 si presenta come un esperimento di scrittura: prendendo spunto dal libro omonimo Esercizi di stile di Raymond Queneau, ai partecipanti è stato fornito un breve “aneddoto di base” dal quale sviluppare tre variazioni, relative al registro linguistico, al genere letterario e al supporto fisico sul quale riscrivere il testo. Manager di lungo corso e giovani imprenditori del territorio hanno lavorato in gruppi e al termine della giornata di lavoro tutti i contributi, rielaborati dall’artista, sono stati raccolti per formare una rivista/fanzine, un libro d’artista a tutti gli effetti, edito in serie numerata, di cui ad ogni partecipante è stata consegnata una copia. Infine, il trainer in formazione aziendale, ha concluso la giornata  di lavoro traducendo la metafora dell’arte in comportamenti organizzativi concreti, sottolineando il valore di questo tipo di esperienza tesa a rafforzare il pensiero innovativo.

Il workshop si è svolto nell’ambito di “Cult Lab – Spin off di impresa culturale”, promosso da Meccano Spa, Università di Urbino “Carlo Bo” e Università di Macerata, occasione di network fra progetti culturali e mondo delle imprese che incoraggia le opportunità di sviluppo che possono scaturire da questo incontro.

10 dicembre 2016
E-STRAORDINARIO for Kids

E’ un progetto dedicato ai ragazzi e alle loro famiglie, nato per i figli dei dipendenti di Elica, poi sperimentato anche in altri contesti. Come per E-STRAORDINARIO, si tratta di una serie di workshop che fanno entrare attivamente i partecipanti nel processo creativo dell’artista, nella convinzione che l’arte contemporanea possa svolgere un ruolo importante nella formazione delle giovani generazioni.

6 settembre 2013
Mario Airò, LE MEMORIE DELL’ELEFANTE, 2013

Titolo: Le memorie dell’elefante
Edizione: E-STRAORDINARIO for Kids #1
Artista: Mario Airò
Curatore: Marcello Smarrelli
Azienda: Elica
Numero partecipanti: 40 bambini, figli dei dipendenti di Elica
Età : 6 -10 anni
Luogo: Fabriano – Museo della Carta e della Filigrana, Headquarters Elica
Anno: 2013

Le memorie dell’elefante è il titolo del workshop che ha visto protagonista l’artista Mario Airò insieme a quaranta ragazzi tra i sei e i dieci anni, figli dei dipendenti di Elica.

L’obiettivo del workshop è stato quello di far conoscere ai partecipanti, attraverso il gioco, alcuni elementi chiave dell’identità e della storia fabrianese e si è articolato in diverse parti: la prima più didattica, in cui i partecipanti sono stati accompagnati in una visita guidata alla scoperta del Museo della Carta e della Filigrana di Fabriano, che ha previsto anche un laboratorio con un mastro cartaio, per facilitare la comprensione delle fasi produttive e l’intervento creativo dei ragazzi nella fase di realizzazione del foglio.

Nella seconda parte Mario Airò, partendo dal foglio di carta su cui ogni partecipante ha realizzato sagome libere ispirate ai bestiari medievali, ha condotto i ragazzi a elaborarle ulteriormente, facendo riferimento sia all’ars combinatoria storica che a quella presente nei cartoni animati, intervenendo con i colori e le tecniche del frottages e del grattages.

Nella fase conclusiva del workshop, Airò e i ragazzi hanno creato una scultura con tutte le sagome di carta prodotte, fissandole su uno scheletro di legno di balsa, liberamente ispirata alla maestosa complessità della statua crisoelefantina dello Zeus di Olimpia, celebre opera dello scultore ateniese Fidia, considerata una delle sette meraviglie del mondo antico. L’opera d’arte, frutto del lavoro di squadra, è stata allestita negli spazi dell’Headquarters Elica Fabriano.

20 luglio 2011
Francesco Barocco, I SAETTATORI, 2011

Titolo: I Saettatori
Artista: Francesco Barocco
Curatore: Marcello Smarrelli
Azienda: Headquarters Elica
Numero partecipanti: 45
Luogo: Fabriano
XII Edizione

I Saettatori è il titolo dell’opera realizzata da Francesco Barocco per la XII edizione del Premio Ermanno Casoli con  quarantacinque dipendenti di Elica e fa riferimento a un disegno di Michelangelo in cui sono raffigurati nove arcieri senza arco né dardi, trasformati in strumenti di una forza che va al di là della volontà e della coscienza.

L’artista interpreta il coinvolgimento dei dipendenti nella realizzazione di un’opera d’arte (come richiesto dal regolamento del Premio) non come partecipazione diretta, ma come condivisione concettuale ed emotiva dell’esperienza artistica. Strutturando il suo intervento su più livelli (una dimostrazione laboratoriale, una mostra di incisioni e la realizzazione di alcuni lavori site specific), Francesco Barocco ha presentato un percorso rivolto alla conoscenza del mondo di idee e di riferimenti a cui si ispirano gli artisti, condividendone la quotidianità e la ripetitività, le cadute e le risalite, i dubbi che caratterizzano il lavoro artistico e creativo, rendendolo per molti aspetti simile a tutti gli altri lavori.

La prima fase del progetto si è svolta presso il Museo della Carta e della Filigrana di Fabriano, dove l’artista ha tenuto una serie di lezioni sull’incisione, mostrando come la conoscenza degli strumenti e la padronanza tecnica costituiscano, al pari di ogni altra professione, la base del lavoro artistico.
Francesco Barocco ha poi realizzato una mostra permanente negli spazi dell’ Headquarters Elica Fabriano composta da suoi lavori e da una selezione di incisioni di grandi maestri della storia dell’arte (da Dürer a Carol Rama), formando i partecipanti a guidare gli altri dipendenti e gli ospiti alla visita dell’esposizione. Come gli arcieri del disegno di Michelangelo che tendono un arco senza frecce e sembrano loro stessi scagliarsi con forza in avanti, il  piccolo esercito di artisti scelti da Barocco, e lo stesso artista, sembrano volersi lanciare in un viaggio nello spazio e nel tempo.

Scarica il catalogo

 

15 marzo 2017
Sissi, ASPIRANTI ASPIRATORI, 2012

Titolo: Aspiranti Aspiratori
Artista: Sissi
Curatore: Marcello Smarrelli
Azienda: Elica
Luogo: Fabriano – Headquarters Elica
Anno: 2012
Presentazioni e esposizioni: Fuorisalone 2012 – Milano; Bologna – Festival del Libro d’Arte di Bologna 2012 ; Shangai – Galleria Aike-Dellarco, dal 6 luglio al 15 agosto 2013.

Aspiranti Aspiratori è il progetto dell’artista Sissi realizzato per Elica, basato su una originale e personale teoria. Innestandosi con la sua presenza costante e con le sue azioni nel corpo dell’azienda, l’artista genera un continuo e incessante scambio osmotico, dal quale nasce un nuova identità, l’Organindustria, ovvero l’industria trasformata nel corpo stesso dell’artista.

Partendo da queste premesse, Sissi si è cimentata nel compito di ripensare il concetto di purificazione dell’aria, tema centrale nella ricerca di Elica, e per farlo si è fatta costruire il suo atelier all’interno del Laboratorio Prototipi dell’Headquarters. La Cubatrice, questo il singolare nome dato al suo spazio di lavoro,  è inteso come un luogo protetto, limitato, ma allo stesso tempo aperto a tutte le interazioni. Qui, infatti, i dipendenti dell’azienda hanno visto nascere e crescere le opere dell’artista, diventando partecipi e complici di questa genesi. Da questo delicato processo di contaminazione e di scambio sono nati disegni, collage, sculture, ma soprattutto pensieri. La storia raccontata da Sissi, che ha il sapore della mitologia, narra la genesi di una famiglia di dieci Aspiranti Aspiratori: dieci potenziali personaggi che aspirano a diventare purificatori, ciascuno con un’identità ben definita e con un nome che indica un concetto chiave, coerente con la sua forma e la sua funzionalità.

Tre dei dieci Aspiranti Aspiratori progettati sono stati realizzati ed esposti, insieme al video d’animazione Casting che racconta la loro nascitain una mostra presso lo Showroom  milanese di Elica  in occasione del Fuorisalone 2012, evento collaterale del Salone del Mobile di Milano, con un allestimento dello studio di architettura Salottobuono.

Il progetto è stato inoltre protagonista di due importanti eventi promossi dalla FEC in collaborazione con Elica: la presentazione del  libro d’artista edito da Corraini che ne documenta tutte le fasi di realizzazione, presentato al  MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna, all’interno della IX edizione di Artelibro Festival di Bologna  2012; e l’omonima  mostra personale dell’artista , tenutasi presso la Galleria Aike-Dellarco di Shangai, dal 6 luglio al 15 agosto 2013.

Guarda il video

12 gennaio 2017
Francesca Grilli, HAND, 2015

Titolo: Hand
Artista: Francesca Grilli
Curatore: Marcello Smarrelli
Formatore: Piero Tucci – M&D
Evento: Cult Lab – Spin off di Impresa Culturale
Numero partecipanti: 34
Luogo: Montefiore dell’Aso (AP) – Polo Museale di San Francesco
Anno: 2015

Hand è il titolo del workshop ideato e realizzato dall’artista Francesca Grilli, affiancata dal curatore e del formatore aziendale, per un gruppo di trentaquattro persone, tra studenti e imprenditori marchigiani, tenutosi presso il Polo Museale di San Francesco a Montefiore dell’Aso, Ascoli Piceno.

Il workshop era strutturato come un laboratorio di lettura del corpo con un focus  particolare sull’interpretazione delle linee della mano, da cui il titolo Hand. Le mani parlano di noi: sono una delle parti del corpo più usate per comunicare, suggellano nuove conoscenze e patti, sono strumenti perfetti di lavoro. L’attività ha previsto una prima fase pittorica in cui i partecipanti, attraverso il colore, hanno imparato a prendere l’impronta della mano per avere una visione completa di tutte le sue linee. Nella seconda parte si è svolto uno studio sulla mano stessa: forma, colore, morbidezza, sensazione al tatto, elasticità. L’intento dell’artista, coadiuvata da un esperto di chiromanzia, è stato quello di far comprendere ai partecipanti come il carattere della persona possa essere rappresentato dal corpo, stimolandone una lettura più istintiva e libera. Nella fase finale del laboratorio, attraverso gli elementi di base della chiromanzia appresi durante la giornata di lavoro, i partecipanti si sono scambiati reciproche letture della mano: le diverse storie sono state raccolte in una traccia sonora che, accompagnate dall’impronta della mano, hanno composto l’esito finale del workshop, un’istallazione di suoni e immagini realizzata da artista e partecipanti.

Il workshop si è svolto nell’ambito di “Cult Lab – Spin off di impresa culturale”, promosso da Meccano Spa, Università di Urbino “Carlo Bo” e Università di Macerata, occasione di network fra progetti culturali e mondo delle imprese che incoraggia le opportunità di sviluppo che possono scaturire da questo incontro.

 

2 dicembre 2016
Ettore Favini, INTERVALLO, 2011

Artista: Ettore Favini
Edizione: E-STRAORDINARIO for Kids – Edizione Speciale
Curatore: Marcello Smarrelli
Istituto: Liceo Artistico E. Mannucci – Fabriano
Numero partecipanti: 70 studenti del Liceo
Luogo: Fabriano – Liceo Artistico E. Mannucci
Anno: 2011 Special edition

Panorama – Mostra collettiva
Artisti: Ettore Favini, Andrea Nacciarriti, Giacomo Fava, Giorgia De Robertis, gli studenti del Liceo Artistico E. Mannucci
Curatore: Marcello Smarrelli
Luogo: Fabriano – Ex Magazzini Latini
Data: 19 – 23 maggio 2011

Intervallo è il titolo di E-STRAORDINARIO for Kids realizzato dall’artista Ettore Favini per settanta studenti del Liceo Artistico E. Mannucci di Fabriano il cui titolo fa riferimento non solo al momento di ricreazione a scuola, ma anche all’Intervallo RAI, storico intermezzo televisivo che riempiva la pausa fra una trasmissione e l’altra, presentando immagini-cartolina raffiguranti panorami di città italiane e paesaggi.

L’artista ha incentrato l’intervento sul rapporto spesso conflittuale tra uomo e natura declinandolo attraverso una riflessione sul paesaggio, sulle sue diverse definizioni e su come culture diverse abbiano differenti percezioni e letture del paesaggio. Gli studenti sono stati stimolati ad elaborare una personale riflessione su questo tema e a proporre delle forme di rappresentazione del paesaggio, scegliendo tra i linguaggi della contemporaneità (disegno, fotografia, grafica, musica, ecc..) quello a loro più congeniale. Il workshop ha voluto centralizzare l’attenzione sull’importanza della formazione e delle forme alternative di apprendimento nel percorso di crescita delle nuove generazioni, nonché della funzione dell’arte come strumento di lettura della realtà e dei contesti sociali.

I lavori realizzati durante il workshop sono stati esposti presso gli Ex Magazzini Latini di Fabriano, riaperti eccezionalmente per l’occasione. La mostra, intitolata Panorama, oltre ai lavori realizzati dagli studenti, comprendeva opere di Ettore Favini e Andrea Nacciarriti e un’istallazione realizzata dall’architetto Giacomo Fava con la dj Giorgia De Robertis. Il titolo della mostra, giocato sull’ambiguità della parola panorama legata sia al tema del paesaggio che a uno dei maggiori settimanali italiani, è stato anche il titolo dell’opera site specific realizzata da Nacciarriti e Favini in cui le vetrine degli Ex Magazzini Latini, simbolo del passato benessere economico e del potente sviluppo industriale della città di Fabriano, sono state completamente ricoperte con le copertine della rivista Panorama, suggerendo così uno sguardo d’insieme sulla bellezza ricca di storia ma anche di contraddizioni che caratterizza il nostro Paese.

19 agosto 2009
Francesco Arena, TESTE, 2009

Artista: Francesco Arena
Curatore: Marcello Smarrelli
Azienda: Headquarters Elica
Numero partecipanti:20
Luogo: Fabriano
XI Edizione

Teste è il titolo dell’opera realizzata da Francesco Arena con venti dipendenti di Elica per la XI edizione del Premio Ermanno Casoli e si incentra sul valore del passato come  fonte d’ispirazione iconografica per gli artisti, che fin dall’antichità si sono misurati con la questione del tempo e della storia, alla ricerca costante del linguaggio più adatto a rappresentare e tramandare la memoria di certi momenti cruciali o rendere immortali quei personaggi che hanno segnato il destino dell’umanità.

Partendo da queste premesse, attraverso un lungo percorso di riflessione guidato dall’ artista, il gruppo di lavoro ha individuato sei personaggi significativi per la storia delle Marche e per ciascuno di loro è stato realizzato un ritratto scultoreo in argilla. I sei busti così ottenuti, sono stati posizionati in altrettanti punti di passaggio all’interno e all’esterno della sede Elica di Fabriano e, attraverso un originale meccanismo idraulico per la raccolta e la dispersione delle acque piovane, sono state sottoposte ad un procedimento di corrosione naturale. Una chiara metafora del tempo che scorre e della conseguente corrosione e dispersione della memoria, con un valore positivo costituito dal fatto che l’acqua piovana riporta la memoria alla terra che potrà generare nuove possibilità. A distanza di sei anni, l’artista è intervenuto nuovamente sul proprio lavoro posizionando, al posto delle sculture oramai completamente consumate, delle piccole lapidi di marmo con incisi i nomi dei sei personaggi che comparivano nella prima fase dell’opera.

Affidando il ricordo delle persone raffigurate allo scorrere del tempo, si è evidenziato con più chiarezza il contrasto tra la natura effimera della memoria e quella dell’opera d’arte che può renderla attuale e duratura.

Guarda il video
Scarica il catalogo

 

 

 

 

20 marzo 2017
Francesco Arena, CANZONE (POVERA PATRIA),2012

Titolo: Canzone (povera patria)
Artista: Francesco Arena
Curatore: Marcello Smarrelli
Evento: Poiesis – Festival di poesia, arte, musica, cinema e teatro
Luogo: Fabriano – Chiostro del Convento di San Francesco
Anno: 2012

Canzone (povera patria) è il titolo della performance commissionata a Francesco Arena dalla FEC, invitata a partecipare con un’opera d’arte alla quinta edizione di Poiesis – Festival di poesia arte, musica, cinema e teatro, in programma a Fabriano dal 25 al 27 maggio 2012.

Nell’azione performativa un operaio, sotto “dettatura” dell’artista, ha colpito con una smerigliatrice un palo di metallo installato in un’arcata del chiostro medievale, provocando delle scintille brevi e lunghe, corrispondenti al punto e alla linea dell’alfabeto Morse. In questo modo l’uomo “ha scritto” il testo di Povera Patria, una delle canzoni più popolari di Franco Battiato, in cui l’autore rivolge all’Italia uno sguardo lucido e critico, esprimendo con parole dure il suo sdegno (“Povera patria! Schiacciata dagli abusi del potere di gente infame…”), ma lanciando anche un chiaro messaggio di speranza e riscatto (“Non cambierà, non cambierà sì che cambierà, vedrai che cambierà”).
Lo stridore provocato dall’azione, molto familiare a chi lavora nelle officine, ha costretto gli spettatori a portare le mani alle orecchie per alleviare il fastidio generato dal rumore.

Con questa performance la FEC ha voluto rendere omaggio al lavoro, consapevole dell’importanza che questo riveste nella vita delle persone e nella costruzione di una società più giusta, ma anche riflettere su un tema che ha contraddistinto per anni l’identità di Fabriano, oggi completamente da reinventare attraverso nuovi stimoli e nuove idee.

Guarda il video

8 febbraio 2017
Pietro Ruffo, THE WISHFUL MAP #2 – Pocket Museums, 2015

Titolo:  The Wishful Map #2 – Pocket Museums
Artista: Pietro Ruffo
Curatore: Marcello Smarrelli
Formatore: Piero Tucci – M&D
Azienda: Business School del Sole 24 Ore
Numero partecipanti: 38
Luogo: MUDEC – Milano
Anno: 2015

The Wishful Map #2 – Pocket Museums è il titolo del progetto realizzato dall’artista Pietro Ruffo insieme a trentotto studenti del Master in Economia e Management dell’Arte e dei Beni Culturali della Business School del Sole 24 Ore, presso il MUDEC – Museo delle Culture di Milano e sviluppato a partire dai cambiamenti in atto con la riforma del Ministero dei Beni Culturali dovuti al Ministro Dario Franceschini, con i quali sono stati nominati direttori e soprintendenti per il nuovo corso del MiBACT.

L’artista, che ha guidato l’attività affiancato dal curatore e dal formatore aziendale, ha invitato ogni partecipante a scrivere un proprio statement per la direzione di uno dei ventisei musei del circuito AMACI – Associazione Musei d’Arte Contemporanea Italiani assegnatogli, utilizzando cinque concetti chiave scelti da una lista, più uno indicato da loro, su cui costruire le linee guida per la direzione dell’istituzione. Ogni partecipante ha inoltre individuato un’immagine che rappresentasse l’istituzione (un’opera della collezione, un dettaglio architettonico, il logo ecc…) e che ne diventasse il simbolo.

Per indirizzare gli studenti nella progettazione, Andrea Viliani – direttore del Museo MADRE di Napoli – è stato invitato a raccontare la sua esperienza, il modo in cui impostare un’ application per l’ipotetica direzione, le linee guida su cui costruire la programmazione culturale di un museo. Nella seconda parte del workshop, infine, ogni partecipante ha realizzato la sua “mappa simbolica” che attraverso linee e colori ha reso visibili le diverse e personali strategie applicate all’attività di direzione dei diversi musei.

Le trentotto mappe, vere e proprie opere d’arte frutto della giornata di lavoro, sono state installate nella sede del Master di Milano.

The Wishful Map, è un progetto nato dalla collaborazione tra l’artista Pietro Ruffo, il trainer specializzato in formazione e sviluppo delle risorse umane Piero Tucci e la Fondazione Ermanno Casoli,  con l’obiettivo di realizzare una serie di mappe concettuali capaci di rappresentare l’identità e i valori delle aziende, attraverso un’opera d’arte condivisa. Tra le aziende che hanno partecipato al progetto: Angelini Acraf spa (2015), Banca di Credito Cooperativo di Bellegra (2016), Euler Hermes Italia del gruppo assicurativo Allianz (2016).

20 marzo 2017
Andrea Nacciarriti, LESS THAN AIR, 2010

Titolo: Less tha Air
Artista: Andrea Nacciarriti
Curatore: Marcello Smarrelli
Evento: 49° Salone del Mobile
Luogo: Milano
Anno: 2010
Esposizione: Milano – Showroom Elica dal 14 al 19 aprile

Less than air è un progetto dell’artista Andrea Nacciarriti realizzato per Elica, in occasione del Fuorisalone 2010, evento collaterale del Salone del Mobile di Milano.

L’idea nasce dal desiderio dell’artista di visualizzare l’aria, solitamente invisibile e percepibile alla vista solo attraverso gli effetti che produce quando diventa vento e la pressione delle molecole incontra la materia. Andrea Nacciarriti, insieme ai tecnici di Elica Tech Lab, il laboratorio di ricerca e certificazione del Gruppo industriale, ha effettuato una serie di esperimenti cercando di dare forma e concretezza a ciò che per natura è invisibile, di formalizzare e far diventare tangibile l’esperienza dell’aria.
Il tentativo di rendere malleabile e docile il comportamento delle molecole aeree, ha rivelato all’artista la possibilità di attivarle e sentirne prepotentemente gli spostamenti, farle funzionare quali indicatori del potenziale fisico e concettuale del “materiale” più imprevedibile e vitale, a cui nessuno di noi può sottrarsi.
Come testimonianza di questo lungo periodo di sperimentazione e ricerca sono state installate, nello Showroom di Elica di Milano, diverse opere d’arte che funzionavano come dispositivi capaci di diffondere flussi d’aria in modi diversi, spesso sorprendenti, modificando la percezione dello spazio e coinvolgendo attivamente lo spettatore.

Andrea Nacciarriti website
Guarda il video

18 gennaio 2017
Pietro Ruffo, THE WISHFUL MAP #1, 2015

Titolo: The Wishful Map #1
Artista: Pietro Ruffo
Curatore: Marcello Smarrelli
Formatore: Piero Tucci – M&D
Azienda: Angelini – Acraf spa
Numero: partecipanti: 60
Luogo: Roma – Lanificio Luciani
Anno: 2015

The Wishful Map #1 è il titolo del workshop ideato da Pietro Ruffo per sessanta dipendenti, tra dirigenti e quadri, dell’azienda Angelini Acraf spa, svoltosi presso il Lanificio Luciani di Roma ed incentrato sull’obiettivo di restituire attraverso un’opera d’arte la presenza dell’azienda nel mondo, evidenziandone la cultura e i valori fondanti.

Le due giornate di formazione guidate dall’artista, affiancato dal curatore e dal formatore aziendale, hanno avuto inizio con una riflessione sulle possibili forme attraverso cui realizzare un planisfero che ha portato alla scelta della proiezione del mondo su un icosaedro regolare con cui ricreare un atlante completo, diviso in venti triangoli equilateri. Il triangolo equilatero, esplicito riferimento al logo di Angelini, è stato il modulo di lavoro per i partecipanti divisi in gruppi che, attraverso un processo condiviso tra i vari componenti dell’aula, hanno associato un colore a ciascuna delle trenta parole chiave individuate per descrivere l’azienda e riportate ad acquerello sulla mappa. In seguito, ogni partecipante ha realizzato il ritratto a matita di uno dei colleghi partecipanti al workshop. I sessanta ritratti hanno costituito un ulteriore elemento di identità della mappa, rafforzando la convinzione che il capitale umano sia la vera ricchezza dell’azienda e il potenziale più alto per la sua crescita. Il grande planisfero, The Wishful Map #1, è stato successivamente collocato nell’androne dello stabilimento di Santa Palomba.

The Wishful Map, è un progetto nato dalla collaborazione tra l’artista Pietro Ruffo, il trainer specializzato in formazione e sviluppo delle risorse umane Piero Tucci e la Fondazione Ermanno Casoli, con l’obiettivo di realizzare una serie di mappe concettuali capaci di rappresentare l’identità e i valori delle aziende, attraverso un’opera d’arte condivisa. Tra le aziende che hanno partecipato al progetto: Business School del Sole24Ore (2015), Banca di Credito Cooperativo di Bellegra (2016), Euler Hermes Italia del gruppo assicurativo Allianz (2016).

24 maggio 2017
Gaetano Pesce, Pescecappa x Pescetrullo, 2009

Titolo: Pescecappa x Pescetrullo
Artista: Gaetano Pesce
Curatore: Marcello Smarrelli
Azienda: Elica
Evento: 48a edizione del Salone Internazionale del Mobile
Luogo: Milano
Anno: 2009
Esposizione: Milano – Showroom Elica dal 22 al 27 aprile 2009; Milano – Triennale, Cucine & Ultracorpi, dal 9 aprile 2015 al 21 febbraio 2016 (Expo 2015); Roma – Ministero degli Affari Esteri, Collezione Farnesina Design, mostra permanente

Pescecappa x Pescetrullo è il titolo del progetto dell’artista Gaetano Pesce, commissionato dalla FEC e curato da Marcello Smarrelli, in collaborazione con Elica e Caterina Tognon Arte Contemporanea presentato presso lo presso lo Showroom Elica in occasione della 48a edizione del Salone Internazionale del Mobile di Milano 2009.

L’artista ha proposto una nuova immagine della cappa aspirante partendo dal suo predecessore: la cappa del camino. Pescecappa è infatti un prototipo di cappa aspirante, primo di un’edizione di quindici esemplari unici, numerati e firmati dall’artista stesso, ideato per la cucina del Pescetrullo, inconsueta e innovativa abitazione realizzata da Caterina Tognon nella campagna pugliese, su progetto dello stesso Gaetano Pesce. Protagonisti della cappa alcuni semplici prodotti: verdura, frutta e legumi ad esprimere il legame con la terra, conservando odori e sapori semplici ma antichi, simbolo di una concezione di vita salutare e rispettosa dell’ambiente.

La cappa realizzata da Gaetano Pesce è stata esposta alla mostra curata da Germano Celant Cucine & Ultracopri , presso la Triennale di Milano per Expo 2015 e scelta come parte della Collezione Farnesina Design esposta presso il Ministero degli Affari Esteri.

Pescecappa.it

La Triennale – Cucine&Ultracorpi

 

11 gennaio 2017
Ettore Favini, OGGETTI SOCIALI, 2014

Titolo: Oggetti Sociali
Artista: Ettore Favini
Curatore: Marcello Smarrelli
Formatore: Giovanni Boano – HiC et NunC
Azienda: Jungheinrich
Numeri partecipanti: 15
Luogo: Villa Panza di Biumo – Varese
Anno: 2014

 

Oggetti Sociali è il titolo del workshop ideato e condotto dall’artista Ettore Favini insieme a formatore e al curatore, a cui hanno partecipato quindici manager dell’azienda Jungheinrich – filiale italiana della multinazionale tedesca Jungheinrich AG, leader nella logistica di magazzino in Europa – tenutosi presso la Villa Panza di Biumo a Varese.

Per avviare il processo di realizzazione dell’attività formativa, nei giorni antecedenti al workshop i partecipanti hanno ricevuto una lettera nella quale si chiedeva di individuare un oggetto personale, tra quelli a loro più cari, dai quali si sarebbero dovuti separare. Gli oggetti, inseriti in un involucro che li rendeva anonimi, sono stati al centro di una lunga discussione che verteva intorno al tema dell’identità e di come questa si possa raccontare anche attraverso gli oggetti. Nella seconda fase del workshop i partecipanti hanno progettato una scaffalatura in cui esporre gli oggetti stessi, secondo un’idea di display nata dalla discussione precedente.

L’attenzione al metodo di creazione dell’opera d’arte partecipata, esito finale del workshop e successivamente collocata in azienda, insieme così alla documentazione delle dinamiche interne al gruppo filtrate dallo sguardo dell’artista, sono stati gli elementi fondanti del progetto. Oggetti Sociali  si inseriva nell’ambito del programma formativo di Jungheinrich, dal titolo Logistics Systems Build Together.

Guarda il video

 

20 marzo 2017
Ettore Favini, Verdecuratoda…voi, 2008

Titolo: Verdecuratoda…voi
Artista: Ettore Favini
Curatore: Marcello Smarrelli
Evento: Naturalmente festival – Terre del buon vivere
Luogo: Monsano – Parco del Santuario di Santa Maria
Anno: 2008

Verdecuratoda…voi è il titolo dell’installazione dell’artista Ettore Favini commissionata dalla FEC, invitata a partecipare con un’opera d’arte alla quarta edizione di Naturalmente festival – Terre del buon vivere, svoltasi presso il Parco del Santuario di Santa Maria a Monsano in provincia di Ancona nel 2008

L’obiettivo principale del festival è stato quello di promuovere la crescita dell’economia equa e solidale, approfondendo, attraverso una serie di iniziative permanenti, le tematiche connesse all’agricoltura biologica, alle energie rinnovabili e al turismo responsabile.
Verdecuratoda…voi, installazione che in questo contesto è risultata particolarmente emblematica, fa parte di un progetto più ampio per costruire la più grande scultura vegetale del mondo, individuando spazi pubblici inutilizzati e riqualificarli attraverso la piantumazione di essenze arboree. Il festival è stato l’occasione per presentare il prototipo di distributore automatico che eroga semi di piante facili da coltivare, che ognuno può prelevare e piantare segnando il punto su una mappa rintracciabile sul sito www.verdecuratoda.com . In questo caso, la quantità totale di semi all’interno delle sfere erogate dal distributore sarebbe stata sufficiente a coltivare un prato in grado soddisfare il fabbisogno giornaliero di ossigeno di un essere umano.

Il progetto prosegue ancora oggi all’interno dell’Headquarters Elica di Fabriano dove è possibile utilizzare il distributore, ma anche in altri luoghi indicati al sito www.verdecuratoda.com

12 gennaio 2017
Francesco Barocco, UNDERDRAWING, 2014

Titolo: Underdrawing
Artista: Francesco Barocco
Curatore: Marcello Smarrelli
Formatore: Giovanni Boano- Hic et NunC
Azienda: Business School del Sole 24 Ore
Numero partecipanti: 28
Luogo: Milano
Anno: 2014

Underdrawing è il titolo del workshop ideato e condotto dall’artista Francesco Barocco con ventotto studenti del Master in Economia e Management dell’Arte e dei Beni Culturali della Business School del Sole 24. I partecipanti, coadiuvati dal curatore e dal formatore, si sono misurati con il disegno e con l’antica tecnica della quadrettatura sotto la guida dell’artista, al fine di realizzare delle copie fedeli di disegni dei grandi maestri della pittura italiana.

La prima fase del workshop consisteva in una vera e propria lezione di disegno, con l’obiettivo di permettere agli studenti di fare esperienza su cosa significa tracciare un segno su un foglio, di acquisire una maggiore consapevolezza delle tecniche e degli strumenti base del fare arte. La seconda fase, invece, è stata finalizzata alla creazione di una copia: ad ogni partecipante è stato consegnato un piccolo ed essenziale kit – matita, foglio, gomma – e alcuni modelli di disegni da riprodurre, in modo che ognuno potesse scegliere il suo, assecondando la propria sensibilità.

I disegni realizzati sono stati rielaborati e fotografati dall’artista facendo dello scatto fotografico la matrice che ha consentito di stamparne un esemplare, per ciascuno dei partecipanti, di quella che è stata a tutti gli effetti un’ “opera a quattro mani”, testimonianza dell’esperienza vissuta.

 

24 novembre 2016
FEC for Factories

Un’ originale modalità di interazione tra arte e impresa che porta l’arte contemporanea nel vivo dei sistemi produttivi. Gli artisti vengono invitati a confrontarsi con le fasi che precedono la realizzazione di un prodotto industriale, condividendo il percorso progettuale con designer, ingegneri, specialisti del marketing, prototipisti e operai specializzati. In questo modo si incentiva la creatività e la possibilità di inventare nuovi linguaggi, processi produttivi e sistemi di comunicazione.

11 gennaio 2017
Marinella Senatore, WORKING IS NETWORKING, 2013

Titolo: Working is Networking
Artista: Marinella Senatore
Curatore: Marcello Smarrelli
Formatore: Piero Tucci – M&D
Azienda: Angelini – A.C.R.A.F. spa
Numero partecipanti: 22
Luogo: Palazzo Cavalli Fraschetti – Venezia
Anno: 2013

Working is Networking è il titolo del workshop ideato e condotto dall’artista e filmmaker Marinella Senatore, a cui hanno partecipato ventidue dipendenti di Angelini  A.C.R.A.F spa – società del gruppo internazionale Angelini, leader nel settore della salute e del benessere –  tenutosi presso Palazzo Cavalli Fraschetti, a Venezia.

I partecipanti al workshop, divisi per gruppi, coadiuvati dal curatore e dal formatore, hanno realizzato un cortometraggio in cui hanno messo in scena la propria visione del lavoro con le problematiche e le prospettive future ad essa collegate. Affrontate tutte le fasi della lavorazione – dalla scrittura alla ripresa fino alla regia e al montaggio finale – artista e dipendenti hanno condiviso le proprie competenze per acquisirne di nuove. In questa attività tipicamente di outdoor, ai partecipanti sono state proposte una serie di attività collaterali volte alla conoscenza del ricco patrimonio artistico di Venezia.

Il progetto ha voluto stimolare la capacità di indirizzare l’impegno individuale verso un obiettivo comune, dove le aree di intervento di ciascun componente sono  gestite in favore della collaborazione e del lavoro di squadra.

 

 

11 gennaio 2017
Margherita Moscardini, CONDOMINIUM, 2013

Titolo: Condominium
Artista: Margherita Moscardini
Curatore: Marcello Smarrelli
Formatore: Giovanni Boano – Hic et NunC
Azienda: Business School Sole 24 Ore
Numero partecipanti: 37
Luogo: Milano
Anno: 2013

 

Condominium è il titolo del workshop ideato e condotto dall’artista Margherita Moscardini, con trentasette studenti del Master in Economia e Management dell’Arte e dei Beni Culturali della Business School del Sole 24 Ore, coadiuvati dal formatore e dal curatore. Per questa occasione, la Fondazione Ermanno Casoli – dal 2012 partner della Business School del Sole 24 Ore – ha riproposto un progetto dal titolo Condominium (Or the Merck Index), già sperimentato insieme a dieci dipendenti dell’azienda MSD Italia nel 2012, con lo scopo di far vivere agli studenti del Master un’esperienza realizzata per un’azienda, affrontando e analizzando contenuti e metodologie affini.

L’artista ha avviato una riflessione sugli ideali utopici adottati in ambito aziendale, partendo dall’idea di standard come modello a cui tendere per migliorare la vita quotidiana, individuando come esempio concreto di moderno “Villaggio ideale del lavoro”, il Villaggio Crespi d’Adda, costruito a fine Ottocento dall’imprenditore Cristoforo Benigno Crespi. Muovendo dalla domanda “Quale sarebbe oggi un modello abitativo che venga incontro alle esigenze dei dipendenti di una grande azienda”, ogni dipendente ha realizzato uno o più disegni in rilievo di un ambiente ideale, che corrispondesse e sintetizzasse al massimo le loro esigenze abitative o la loro idea di spazio pubblico.

I disegni prodotti durante il workshop sono stati raccolti  e rilegati per comporre un volume di immagini in rilievo, metafora di un condominio, un vero e proprio libro d’artista di cui sono state prodotte tre edizioni firmate e numerate.

9 gennaio 2017
Ettore Favini, CONDIVIDERE E’ CONNETTERE, 2012

Titolo: Condividere è connettere
Artista: Ettore Favini
Curatore: Marcello Smarrelli
Azienda: Bricocenter srl
Numero partecipanti: 10
Luogo: Milano – Cinisello Balsamo
Anno: 2012

Condividere è connettere è il titolo del workshop ideato e condotto dall’artista Ettore Favini con dieci dipendenti di Bricocenter Srl – la più grande catena di bricolage in Italia – tenutosi presso il punto vendita aziendale di Cinisello Balsamo, Milano. I partecipanti sono stati scelti tra coloro che nei due anni precedenti avevano seguito un percorso intitolato Vision, per immaginare insieme come l’azienda avrebbe voluto essere nel 2020 e, dunque, per lavorare ogni giorno alla realizzazione di questa “visione aziendale” a lungo termine.

I partecipanti, coadiuvati da curatore e formatore, sono stati invitati a condividere una serie di parole rappresentative del modo in cui hanno costruito la prospettiva futura dell’azienda. Questi termini sono stati successivamente inseriti all’interno di un software utilizzato per la network analysis, dove sono stati isolati dal contesto di origine: ogni racconto è diventato un disegno, un’astrazione che i collaboratori hanno riconosciuto come parte di se stessi e che hanno riprodotto con i materiali commercializzati dall’azienda. I singoli contributi hanno permesso il raggiungimento di un obiettivo comune: rendere materialmente visibili i contenuti e le emozioni scaturiti dal percorso Vision, i temi e le riflessioni affrontate durante il lavoro con l’artista. Infine, tutte le fasi del workshop sono state documentate in un sito web creato dall’artista con l’ausilio dei dieci collaboratori.

L’intervento di Ettore Favini ha inteso raccogliere le esperienze e le emozioni maturate durante questo progetto, restituite attraverso un’opera d’arte partecipata in grado di rappresentare l’apporto di ciascun individuo come ricchezza collettiva per l’azienda.

Guarda il video

 

9 gennaio 2017
Tomaso De Luca, DRAWING AFTER ARQUITECTURE, 2012

Titolo: Drawing After Architecture
Artista: Tomaso De Luca
Curatore: Marcello Smarrelli
Formatore: Giovanni Boano – HiC et NunC
Azienda: MSD Italia
Numero partecipanti: 10
Luogo: Roma
Anno: 2012

Drawing After Architecture è il titolo del workshop ideato e condotto dall’artista Tomaso De Luca con dieci dipendenti dell’azienda farmaceutica MSD, leader nella produzione di farmaci, tenutosi presso gli spazi aziendali della sede romana.

Per la realizzazione del suo progetto, l’artista ha scelto di utilizzare come mezzo didattico la pratica del disegno – alla base della sua produzione artistica – perché in grado da sempre di materializzare e rappresentare concetti astratti e idee, dando visibilità a ciò che è impercettibile. De Luca ha infatti condiviso con i dieci dipendenti partecipanti, coadiuvati dal curatore e dal formatore aziendale, alcune particolari tecniche, come il “disegno cieco” o il “disegno impedito”, suggerendoli come metodo per tradurre in segni grafici la relazione che intercorre tra loro e lo spazio dell’azienda.

L’intenzione è stata quella di invertire la pratica dell’architetto che parte da un progetto/disegno bidimensionale per giungere successivamente ad un risultato tridimensionale. In questo modo l’artista ha fatto emergere il disegno solo alla fine del processo, come risultante, e non come presupposto, della costruzione dello spazio.

E-STRAORDINARIO per MSD si è strutturato in tre giornate di workshop e ha coinvolto trenta dipendenti dell’azienda farmaceutica MSD Italia e tre artisti: Tomaso De Luca, Margherita Moscardini e Alberto Tadiello. Ciascuna delle tre giornate ha visto protagonisti uno dei tre artisti e dieci dipendenti della società, provenienti da diverse funzioni aziendali.

 

9 gennaio 2017
Margherita Moscardini, CONDOMINIUM (OR THE MERCK INDEX), 2012

Titolo: Condominium (or The Merck Index)
Artista: Margherita Moscardini
Curatore: Marcello Smarrelli
Formatore: Giovanni Boano – HiC et NunC
Azienda: MSD Italia
Numero partecipanti: 10
Luogo: Roma
Anno: 2012

Condominium (or The Merck Index) è il titolo del workshop ideato e condotto dall’artista Margherita Moscardini, affiancata dal curatore e dal formatore, con dieci dipendenti dell’azienda farmaceutica MSD, leader nella produzione di farmaci, tenutosi presso gli spazi della sede romana dell’azienda.

L’artista ha avviato una riflessione sugli ideali utopici adottati in ambito aziendale, partendo dall’idea di standard come modello a cui tendere per migliorare la vita quotidiana, individuando come esempio concreto di moderno “Villaggio ideale del lavoro”, il Villaggio Crespi d’Adda, costruito a fine Ottocento dall’imprenditore Cristoforo Benigno Crespi. Muovendo dalla domanda: “Quale sarebbe oggi un modello abitativo che venga incontro alle esigenze dei dipendenti di una grande azienda?”, ogni dipendente ha realizzato uno o più disegni in rilievo di un ambiente ideale, che corrispondesse e sintetizzasse al massimo le loro esigenze abitative o la loro idea di spazio pubblico. I disegni prodotti durante il workshop sono stati raccolti e rilegati per comporre un volume di immagini in rilievo, metafora di un condominio, un vero e proprio libro d’artista di cui sono state prodotte tre edizioni firmate e numerate.

E-STRAORDINARIO per MSD si è strutturato in tre giornate di workshop ha coinvolto trenta dipendenti dell’azienda farmaceutica MSD Italia e tre artisti: Tomaso De Luca, Margherita Moscardini e Alberto Tadiello. Ciascuna delle tre giornate ha visto protagonisti uno dei tre artisti e dieci dipendenti della società, provenienti da diverse funzioni aziendali.

 

9 gennaio 2017
Alberto Tadiello, THINGS GO ON WITH MISTAKES, 2012

Titolo: Things Go On With Mistakes
Artista: Alberto Tadiello
Curatore: Marcello Smarrelli
Formatore: Giovanni Boano – HiC et NunC
Azienda: MSD Italia
Numero partecipanti: 10
Luogo: Roma
Anno: 2012

Things Go On With Mistakes è il titolo del workshop ideato e condotto dall’artista Alberto Tadiello, con dieci dipendenti dell’azienda farmaceutica MSD, leader nella produzione di farmaci, tenutosi presso gli spazi aziendali della sede di Roma.

Tutti i partecipanti, coadiuvati dal curatore e dal formatore aziendale, hanno  ricevuto vari materiali con cui inventare degli strumenti, sfruttando meccanismi di funzionamento molto semplici di rotazioni, attriti e frizioni, che hanno generato suoni o rumori. Ogni singolo partecipante ha sviluppato un piccolo e personalissimo lavoro di ricerca per creare un’entità sonora da cui è nata un’azione collettiva composta da un insieme di elementi che hanno funzionato allo stesso tempo come una piccola orchestra in miniatura composta da tutti i pezzi prodotti. Il progetto dell’artista, il cui titolo fa riferimento ad una traccia contenuta in un album nato dalla collaborazione tra due band americane (“In The Fishtank”, The Black Heart Procession + Solbakken), ha avuto come obiettivo la creazione di elementi sonori come base e stimolo per la cooperazione fra i partecipanti.

E-STRAORDINARIO per MSD si è strutturato in tre giornate di workshop e ha coinvolto trenta dipendenti dell’azienda farmaceutica MSD Italia e tre artisti di importanza internazionale: Tomaso De Luca, Margherita Moscardini e Alberto Tadiello. Ciascuna delle tre giornate ha visto protagonisti uno dei tre artisti e dieci dipendenti della società, provenienti da diverse funzioni aziendali.

 

9 gennaio 2017
Marinella Senatore, FILMING THE PROCESS #2, 2012

Titolo: Filming the process #2
Artista: Marinella Senatore
Curatore: Marcello Smarrelli
Formatore: Giovanni Boano – Hic et NunC
Azienda: Business School del Sole24Ore
Numero partecipanti: 35
Luogo: Milano
Anno: 2012

Filming the process #2 è il titolo del workshop ideato e condotto dall’artista Marinella Senatore, con trentacinque studenti del Master in Economia e Management dell’Arte e dei Beni Culturali della Business School del Sole 24 Ore, coadiuvati dal formatore e dal curatore. Per questa occasione, la Fondazione Ermanno Casoli – dal 2012 partner della Business School del Sole 24 Ore – ha riproposto un progetto dal titolo titolo Filming the process #1, già sperimentato insieme a venti dipendenti di Biotronik Italia spa nel 2011, con lo scopo di far vivere agli studenti del Master un’esperienza realizzata per un’azienda, affrontando e analizzando contenuti e metodologie affini.

Focus del workshop è stato innescare e alimentare processi di partecipazione e di aggregazione attraverso l’uso della pratica cinematografica, modalità espressiva prediletta dall’artista per la sua struttura corale. Gli studenti sono stati coinvolti nella realizzazione di un breve audiovisivo in cui, divisi per gruppi, hanno coperto tutte le fasi della lavorazione, dalla scrittura alla ripresa fino alla regia e al montaggio finale.

Il progetto ha voluto stimolare la capacità di indirizzare il proprio lavoro verso un obiettivo condiviso e di un pensare collettivo, dove le aree di intervento di ciascun componente e le singole competenze fossero gestite in favore della collaborazione e del lavoro di squadra.

11 gennaio 2017
Cesare Pietroiusti, AGÌTA, 2012

Titolo: Agìta – Istruzioni per un’azienda non funzionale
Artista: Cesare Pietroiusti
Curatore: Marcello Smarrelli
Azienda: Confindustria Ancona
Numero partecipanti: 15
Luogo: Jesi – Pinacoteca Civica e Ancona – Confindustria
Anno: 2012/2013

Agìta – Istruzioni per un’agenda non funzionale è il titolo del progetto ideato e condotto dall’artista Cesare Pietroiusti in due fasi diverse con quindici partecipanti, coadiuvati dal curatore e del formatore aziendale, tra imprenditori e manager del settore meccanico della Provincia di Ancona e funzionari del settore cultura della Pubblica Amministrazione.

Nella prima fase, tenutasi presso la Pinacoteca Civica di Jesi, si è svolto un workshop condotto dall’artista in cui si è lavorato sull’eliminazione dei blocchi, razionali ed emotivi, che frenano la creatività. Nella seconda fase, avvenuta presso la sede di Confindustria Ancona, ai partecipanti è stato consegnato un libro d’artista tirato in trenta copie, numerate e firmate, dal titolo Agìta, in cui sono stati raccolti i contenuti emersi e prodotti durante la precedente giornata di lavoro. Pietroiusti ha posto l’attenzione sui pensieri fulminei e superflui che attraversano la nostra mente in svariati momenti della giornata, difficili da ricordare e slegati da qualsiasi azione, definiti dall’artista “Pensieri non funzionali” e che per anni  ha raccolto nel sito pensierinonfunzionali.net creato appositamente per fissarli nella memoria.

Agìta, un’agenda non funzionale, vuole essere lo strumento con il quale annotare, nello spazio dedicato, i propri “pensieri non funzionali” come presentato nella sezione finale dell’agenda in cui sono documentati, attraverso i mezzi e le modalità che i partecipanti hanno ritenuto più idonei, i “pensieri non funzionali” sorti durante il workshop e scelti tra quelli raccolti da Cesare Pietroiusti nel corso degli ultimi trent’anni.

Guarda il video 

9 gennaio 2017
Marinella Senatore, FILMING THE PROCESS #1, 2011

Titolo: Filming the process #1
Artista: Marinella Senatore
Curatore: Marcello Smarrelli
Formatore: Giovanni Boano – HiC et NunC
Azienda: Biotronik
Numero partecipanti: 20
Luogo: Milano – DOCVA
Anno: 2011

Filming the process #1 è il titolo del workshop ideato e condotto dall’artista e filmmaker Marinella Senatore con venti dipendenti di Biotronik Italia spa, coadiuvati dal formatore e dal curatore, tenutosi a Milano presso il DOCVA – Documentation Center for Visual Arts organizzato dalle associazioni Careof e Viafarini all’interno della Fabbrica del Vapore.

Focus del workshop è stato innescare e alimentare processi di partecipazione e di aggregazione attraverso l’uso della pratica cinematografica, modalità espressiva prediletta dall’artista per la sua struttura corale. I partecipanti sono stati coinvolti nella realizzazione di due cortometraggi in cui, divisi per gruppi, hanno coperto tutte le fasi della lavorazione, dalla scrittura alla ripresa fino alla regia e al montaggio finale.

Il progetto ha voluto stimolare la capacità di indirizzare il proprio lavoro verso un obiettivo condiviso e di un pensare collettivo, dove le aree di intervento di ciascun componente e le singole competenze fossero gestite in favore della collaborazione e del lavoro di squadra.

Guarda il video

9 gennaio 2017
Grzegorz Drozd, ON TOUR IN POLAND, 2010

Titolo: Opera
Artista: Grzegorz Drozd
Curatore: Marcello Smarrelli e Stach Szablowski
Formatore: Monica Schwertner
Azienda: Elica Polonia
Numero partecipanti: 30
Luogo: Jelcz – Laskowice
Anno: 2010
Esposizioni: Varsavia – Galleria 2 dal 17 al 31 agosto

Opera è il titolo del workshop ideato e condotto dall’artista Grzegorz Drozd con trenta dipendenti di Elica, coadiuvati dal formatore e dai curatori, svoltosi  presso il plant Elica di Jelcz-Laskowice in Polonia.

Il progetto, basato sulla valorizzazione di ogni singolo intervento all’interno di un’azione collettiva, ha messo in evidenza la potenzialità creativa della comunità composta dai lavoratori introducendo degli elementi insoliti nella vita quotidiana dello stabilimento, pur mantenendo il metodo e l’organizzazione del lavoro. Dopo essere entrato nella vita della fabbrica attraverso un’auto-presentazione, l’artista ha realizzato una performance musicale con i partecipanti, utilizzando strumenti giocattolo. Così come avviene nell’ambito aziendale, dove ogni individuo è parte di un sistema più ampio e complesso e l’azione congiunta di tutti è finalizzata ad un obiettivo comune ovvero la produzione, ciascun dipendente si è impegnato a svolgere la propria parte per il raggiungimento di uno scopo condiviso: generare un’opera d’arte collettiva di cui ognuno è autore e protagonista.

Come risultato finale del workshop, Drozd ha realizzato un video utilizzando le riprese realizzate durante l’esecuzione della performance, mentre gli strumenti musicali suonati sono stati devoluti in beneficenza.

Guarda il video

9 gennaio 2017
Sissi, TITOLATI VESTITI, 2011

Titolo: Titolati vestiti
Artista: Sissi
Curatore: Marcello Smarrelli
Formatore: Giovanni Boano – HiC et NunC
Azienda: Artsana Group
Numero partecipanti: 20
Luogo: Grandate – Como
Anno: 2011

Titolati vestiti è il titolo del workshop ideato e condotto dall’artista Sissi con venti dipendenti della multinazionale Artsana Group, con venti stiliste specializzata nel campo dell’abbigliamento e dei prodotti per bambini, tenutosi nella sede aziendale di Grandate a Como.

L’artista, coadiuvata dal formatore e dal curatore, ha condotto le partecipanti ad analizzare gli indumenti da loro disegnati e ai quali fossero particolarmente legate, individuato in ognuno una qualità caratterizzante. Questo ha permesso di creare una classificazione dei capi e, soprattutto di dare loro un nuovo significato e un nuovo nome, in pratica di re-intitolarli. Nella seconda parte del workshop, alcune parti degli abiti analizzati sono state tagliate e unite secondo nuovi criteri, così da avviare un processo di ibridazione che ha dato origine a qualcosa di nuovo: le singole parti dei vestiti nuovamente titolate sono state cucite insieme a formare un unico abito, simbolo di un nucleo famigliare, amicale o di lavoro, composto da identità diverse fra loro che, pur non scegliendosi e non somigliandosi, sono allacciate e unite da un forte legame.

Il workshop è servito a innescare un processo di creazione in cui i partecipanti si sono sentiti liberi di riconsiderare la realtà e di rinominarla, scardinando concetti precostituiti e stimolando idee verso soluzioni innovative.

Guarda il video

 

 

 

15 dicembre 2015
Francesco Arena, RICORDARE È CONOSCERE, 2009

Titolo: Ricordare è conoscere
Artista: Francesco Arena
Curatore: Marcello Smarrelli
Azienda: Elica
Numero partecipanti: 22
Luogo: Fabriano – Headquarters Elica
Anno: 2009

Ricordare è conoscere è il titolo della serie di workshops ideati e condotti dall’artista Francesco Arena con ventidue dipendenti di Elica, coadiuvati dal curatore, coinvolti in un percorso di riflessione sulle modalità e sui meccanismi che regolano la memoria, tenutosi presso gli spazi dell’Headquarters Elica a Fabriano e realizzato attraverso tre opere collettive.

Oggetti legati all’11 settembre 2001 momentaneamente riuniti su un pallet è il titolo del primo lavoro, un’ opera temporanea legata al ricordo dell’11 settembre 2001 per raccontare quella giornata storica attraverso un oggetto scelto, per sottolineare come nessun gesto si disperde e che ogni azione, ogni pensiero si uniscono e contribuiscono a creare il grande racconto della storia.
Con Alla stessa altezza degli occhi, l’artista ha affrontato il tema del ritratto, dello sguardo che rivolgiamo agli altri e di come questo torni a noi deformato, ampliato e cristallizzato in concetti e storie. La galleria di immagini nata da questo laboratorio è tuttora esposta negli spazi dell’Headquarters Elica Fabriano.
Per Ritratto di gruppo in un interno, l’idea del ritratto è stata affrontata mettendo in relazione il singolo individuo con le dinamiche interne di un gruppo di lavoro. I partecipanti sono stati invitati a realizzare una scultura utilizzando tutti lo stesso materiale – un blocco di creta da 25 chili, lo stesso strumento – un asse di legno e lo stesso tempo – 11 minuti.

Le opere d’arte realizzate durante questo percorso propedeutico a Teste l’opera realizzata da Francesco Arena per la XI edizione del Premio Ermanno Casoli, hanno evidenziato come semplici elementi quotidiani possano diventare strumenti capaci di fermare un ricordo, contribuendo a re-interpretare il presente.

Guarda il video

14 dicembre 2016
Cesare Pietroiusti, L’INTELLIGENZA DEL CASO, 2009

Artista: Cesare Pietroiusti
Curatore: Marcello Smarrelli
Azienda: Elica
Numero partecipanti: 57
Luogo: Fabriano – Headquarters Elica
Anno: 2009

 

 

L’intelligenza del caso è il titolo del workshop ideato e condotto dall’artista Cesare Pietroiusti con cinquantasette dipendenti di Elica, coadiuvati dal curatore, realizzato presso gli spazi aziendali dell’Headquarters Elica di Fabriano.

Il workshop, strutturato in due giornate di lavoro, ha voluto approfondire due temi: l’errore determinato dal caso da cui può generarsi una risorsa inaspettata e i meccanismi connessi allo scambio economico. L’artista ha coinvolto i partecipanti dapprima in una riflessione sulle tematiche proposte per poi passare, nella giornata successiva, alla realizzazione di duemila disegni utilizzando fumo di candela (elemento al centro della produzione di cappe aspiranti) e vino (Rosso Conero, tipico delle Marche), elementi che provocano sulla carta (eccellenza di Fabriano) effetti inaspettati, imprevedibili e non controllabili. Duemila disegni da portare via è il titolo della grande installazione realizzata nell’Headquarters Elica e destinata a disperdersi progressivamente. Tutti sono invitati a prendere un disegno impegnandosi a rispettare le istruzioni date dall’artista e dai partecipanti: chi prenderà un disegno fatto col vino dovrà ricollocarlo nello stesso luogo entro un anno, dopo avergli fatto compiere un’esperienza di cui il foglio porterà traccia; chi prenderà un disegno fatto col fumo di candela, dichiarato come un’opera incompiuta, dovrà bruciarla, la cenere sarà l’opera d’arte compiuta.

L’obiettivo del workshop è stato quello di riconoscere e utilizzare creativamente il caso, l’effetto collaterale, l’errore e di riflettere sulla rigidità e l’immutabilità dei paradigmi e dei metodi propri dei processi economici, intesi come scambio di beni e denaro, tipici sia del mondo del business che di quello dell’arte.

Guarda il video

10 marzo 2008
Ettore Favini, Christian Frosi e Nico Vascellari, DAL PROGETTO ALL’OGGETTO, 2008

Artista: Ettore Favini, Christian Frosi, Nicola Vascellari
Curatore: Marcello Smarrelli
Azienda: Elica
Numero partecipanti: 30
Luogo: Fabriano – Headquarters Elica
Anno: 2008
Esposizioni: 28 giugno – 31 luglio 2008, Headquarters Elica Fabriano; 1 – 30 settembre 2008 presso Elica Mergo (AN) ; 1 – 31 ottobre 2008 presso Elica Serra S. Quirico (AN)

Dal progetto all’oggetto è il titolo del workshop ideato e condotto da tre artisti: Nico Vascellari, Ettore Favini e Christian Frosi, con trenta dipendenti di Elica, tenutosi presso l’Headquarters Elica a Fabriano.

L’iniziativa, nata con l’obiettivo di riflettere sul complesso processo che trasforma lo status di un oggetto a volte banale in opera d’arte ha visto gli artisti, ognuno secondo le proprie modalità di lavoro e la propria poetica, sviluppare il tema comune alla produzione industriale e a quella artistica: il ruolo del progetto e dell’elaborazione teorica nella realizzazione di un oggetto.

Ettore Favini ha scelto di ricreare insieme ai partecipanti un micro modello di sistema dell’arte con critici, gallerie e artisti. Christian Frosi ha realizzato un percorso più astratto ed emozionale chiedendo ai partecipanti di raccontare una parte intima di sé attraverso uno o più oggetti personali. Nico Vascellari, infine, ha progettato un intervento decisamente dirompente che radicalizza la riflessione sul rapporto progetto – oggetto, proponendo un’esperienza slegata dalla produzione materiale.
I risultati di questi interventi sono stati esposti in una mostra nell’ Headquarters Elica di Fabriano, nello stabilimento di Mergo (An) e in quello di Serra San Quirico (An).