CHIUDI
CHIUDI
Iscriviti alla nostra newsletter

Accetto i termini e condizioni della Fondazione Ermanno Casoli

16 May 2009
Elica Contemporary nuove acquisizioni

Fondazione Ermanno Casoli
Elica

presentano
Elica Contemporary nuove acquisizioni

Cesare Pietroiusti
Duemila disegni da portare via

a cura di Marcello Smarrelli

Presso Elica, Fabriano

 


Venerdì 15 maggio 2009 alle ore 17.00 presso la sede di Elica a Fabriano è stata presentata l’opera realizzata da Cesare Pietroiusti insieme a un gruppo di dipendenti dell’azienda, dal titolo Duemila disegni da portare via, che entrerà a far parte di Elica Contemporary, la collezione d’arte contemporanea che Francesco Casoli, Presidente della società marchigiana, mette a disposizione dell’azienda. L’opera è stata concepita nell’ambito di E-STRAORDINARIO #2. L’intelligenza del caso, il secondo appuntamento di un ciclo di workshop ideato e curato da Marcello Smarrelli, direttore artistico della Fondazione Ermanno Casoli, dedicato al rapporto tra arte e impresa.

Elica Contemporary rappresenta un modo concreto e innovativo di portare l’arte nei luoghi di lavoro, che si rivelano terreni fertili per costruire il dialogo e favorire la collaborazione fra il mondo della produzione industriale e quello della cultura. La presenza di opere d’arte, di architettura e di design può influenzare in modo positivo l’ambiente di lavoro e le persone che lo frequentano. Attraverso l’arte si crea un clima più stimolante, ma si attua soprattutto un’azione pedagogica di avvicinamento del pubblico alla conoscenza dell’arte contemporanea e a una sua migliore comprensione. La Fondazione Ermanno Casoli ed Elica perseguono insieme questo obiettivo, diffondendo e promuovendo iniziative culturali che coinvolgano il territorio.
Alla collezione Elica Contemporary appartengono già opere di Ettore Favini, Christian Frosi e Nico Vascellari che, insieme a quella di Cesare Pietroiusti e alle altre che si realizzeranno in futuro, costituiscono il nucleo iniziale di museo aziendale: un progetto ambizioso che si realizzerà nel tempo, attraverso l’acquisizione di lavori di artisti che si saranno confrontati con l’azienda e le modalità di produzione.

Duemila disegni da portare via è il risultato di due giornate di workshop condotte da Cesare Pietroiusti, che hanno coinvolto circa trenta dipendenti di Elica individuati fra progettisti, prototipisti, addetti all’area marketing e operai, accomunati dall’attitudine a entrare in contatto con le diverse espressioni dell’arte. Gli incontri, aperti al pubblico tramite iscrizione gratuita, si sono svolti a Fabriano presso la sede principale dell’azienda. Durante il primo appuntamento, al quale ha partecipato anche il top management della società, l’artista ha presentato la propria ricerca e introdotto i temi che si sarebbero affrontati nella seconda fase: l’errore determinato dal caso, i suoi effetti collaterali e le sue potenzialità come risorsa; lo scambio economico, le sue modalità e la formulazione, attraverso il lavoro artistico, di scambi di mercato paradossali, non convenzionali. Durante il secondo incontro, Pietroiusti ha invitato i partecipanti a realizzare alcune centinaia di disegni utilizzando fumo di candela e vino rosso, che provocano sulla superficie del foglio effetti inaspettati, impossibili da prevedere e controllare. L’obiettivo consiste nel riconoscere e utilizzare creativamente il caso, l’effetto collaterale, l’errore. I disegni realizzati, collocati su una parete negli spazi aziendali di Elica, costituiscono un’unica opera complessiva che verrà progressivamente distribuita tra impiegati e visitatori dell’azienda, secondo modalità di scambio stabilite collettivamente durante il workshop ed esplicitamente dichiarate sui singoli disegni, che contribuiscono così all’evoluzione e alla trasformazione del lavoro nel tempo.

Note
Titolo: Elica Contemporary nuove acquisizioni
Artista: Cesare Pietroiusti
A cura di: Marcello Smarrelli
Periodo dell’esposizione del progetto: dal 16 maggio in poi su appuntamento
Presso: Elica – Via Dante n° 288, 60044 Fabriano (An)
Ingresso: gratuito
Info: Stefania Fois, tel. +39 0732610801, fax. +39 0732610740, segreteria@fondazionecasoli.org,
www.fondazionecasoli.org
Uffici stampa
Fondazione Ermanno Casoli: Marta Colombo, tel. +39 340 3442805, ufficiostampa@fondazionecasoli.org
Elica: Donatella Vici – tel. +39 0732 610315 – ufficiostampa@elica.it